Da un anno attende un intervento all’occhio

La protesta di un anziano: «Mi hanno detto che la macchina è rotta». L’Asl: «Troveremo posti in altri ospedali»

EMPOLI. In attesa da un anno di un intervento con un macchinario che dovrebbe aiutarlo a vedere meglio. Ma questo apparecchio è guasto da tempo. Da qui parte la segnalazione di un anziano empolese, Mario Fioravanti, 85 anni, che ieri mattina si è presentato al distretto di via dei Cappuccini. E all’ennesima risposta negativa voleva consegnare una lettera di protesta ai vertici dell’Asl che però non sono più a Empoli. Allora si è rivolto al Tirreno.

«Sono stato visitato a ottobre del 2020 – racconta l’anziano – e mi hanno detto che dovevo fare una capsolomia laser per ripulire il cristallino».


Il 24 di novembre aveva la prenotazione per fare questo “intervento”. «Ma pochi giorni prima mi hanno detto che la macchina era guasta – va avanti l’anziano – poi nei mesi dopo ho chiamato ma la risposta è stata sempre quella, che dovevo rimandare perché l’apparecchiatura era sempre non funzionante».Nel mese di luglio, durante una sua richiesta di informazioni, il 20 luglio esattamente, « mi hanno detto – racconta ancora – che dovevano chiamarmi entro la fine della scorsa settimana. Non ho ricevuto nessuna risposta». Allora, ieri mattina, nonostante che l’anziano, residente in Carraia, si muova poco, ha deciso di andare a chiedere direttamente in via dei Cappuccini, al distretto dell’Asl. La risposta non è cambiata: «Che non funziona, ma che ne stanno acquistando una nuova». La sua domanda è rimasta: «Ma dopo un anno di attesa quando mi potrò fare questo trattamento perché ci vedo male».

L’Asl ha risposto che in effetti la macchina è guasta e non è utilizzabile. «L’azienda ricontatterà a breve le persone in attesa e proporrà agli interessati una possibilità di intervento nell’area vasta – è stato spiegato – e così anche la persona che ha fatto la segnalazione verrà ricontattato a breve per dargli un’altra possibilità». —