Muore portiere di notte al lavoro in albergo

Il decesso per un malore improvviso all’hotel Il Mulino. L’uomo, 62 anni, è stato trovato in gravi condizioni dai colleghi

CERTALDO. Un malore improvviso all’alba di domenica 25 luglio si è portato via Brunello Ancillotti, 62enne certaldese, portiere notturno all’hotel Certaldo.

A nulla sono valsi i soccorsi, l’uomo è deceduto dopo numerosi tentativi di rianimazione ed è stata disposta l’autopsia. Ancillotti era molto conosciuto in paese, essendo stato in passato lo storico gestore del ristorante “‘Il Piviere”, ora Casa Chianti, fra Certaldo e la frazione del Fiano.


Sono state le giovani dipendenti in servizio per la colazione nella lussuosa struttura alberghiera a ridosso del fiume Elsa ad accorgersi di quanto stava accadendo.

In occasione del cambio del turno, poco prima delle sette di ieri mattina , all’hotel Certaldo è scattata l’emergenza.

Le dipendenti hanno bussato alla porta del suo ufficio ma non sentendo rispondere nessuno si sono preoccupate.

Brunello Ancillotti svolgeva il lavoro di portiere notturno e stava per smontare al mattino, dopo il suo turno.

Una volta aperta la porta del suo ufficio, hanno trovato l’uomo in gravi condizioni a quanto emerso al momento per un problema cardiocircolatorio.

Sono stati subito allertati i soccorsi. Sul posto sono intervenute l’automedica di Castelfiorentino e una ambulanza della Misericordia di Certaldo.

Vani purtroppo sono stati i tentativi di salvare il 62enne certaldese.

Sul posto è intervenuta anche una volante dei carabinieri di Certaldo.

Per accertare le cause del decesso del sessantenne è stata disposta l’autopsia. Brunello era molto conosciuto in paese e la sua scomparsa ha suscitato profondo cordoglio fra tanti certaldesi. —

Giacomo Bertelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA