Contenuto riservato agli abbonati

Strage di gatti, si indaga su esche avvelenate

Controlli del nucleo cinofilo antiveleno per gatti avvelenati

Il Comune ha ricevuto diverse segnalazioni. In un caso si parla anche di felini uccisi a fucilate. Verifiche dei carabinieri

CERRETO GUIDI. C’è qualcuno che volontariamente (si è parlato anche di colpi di fucile) ha ucciso dei gatti, e in altri casi ci sarebbe stato qualcuno che ha disseminato esce killer per eliminare le lumache. Episodi sui quali sia l’amministrazione comunale che i carabinieri si sono attivati. Recentemente l’amministrazione comunale di Cerreto Guidi infatti ha ricevuto delle segnalazioni relative alla morte di alcuni gatti, presumibilmente avvelenati o addirittura colpiti da arma da fuoco. Gli episodi sono riferiti alla zona di via Torribina, via Carlo Alberto Dalla Chiesa e via Pio La Torre e dintorni, in prossimità del centro. Si è diffuso il sospetto che gli animali siano uccisi con esche killer, probabilmente preparate con lumachicidi che sono liberamente venduti e usati per eliminare le lumache da orti e giardini.

In seguito a questi episodi l’amministrazione comunale ha effettuato già alcuni sopralluoghi sulle aree pubbliche della zona. Anche i carabinieri sono intervenuti in seguito ad una denuncia ed hanno compiuto a loro volta delle verifiche.


C’è preoccupazione perché queste esche avvelenate, oltre a mettere in pericolo la vita di gatti e di altri animali, sono pericolose anche per i bambini che possono raccoglierle ed ingerirle.

Viene pertanto raccomandato di prestare attenzione alla presenza sul terreno di lumachicidi (spesso sotto forma di chicchi di colore celeste), ad eventuali tracce di carne macinata che viene usata come esca e dall’odore agliaceo del veleno.Si ricorda che i responsabili di questi reati sono puniti dall’articolo 544 bis del Codice penale, rubricato “uccisione di animali”, con la reclusione da quattro mesi a due anni. L’amministrazione comunale effettuerà altri sopralluoghi in zona nel tentativo di individuare tracce utili per risalire ai colpevoli di questo reato. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA