Contenuto riservato agli abbonati

Rotto un giunto, chiuse le gallerie sulla 429. Certaldo invasa dai tir, code e traffico in tilt

A Certaldo il collegamento del manto stradale danneggiato dopo uno scontro. Si dovrà chiarire se la sua rottura sia stata causa dell’incidente

CERTALDO. La chiusura delle gallerie della variante della 429 a causa di un incidente avvenuto nella serata di giovedì 8 luglio ha letteralmente paralizzato il traffico in entrata e in uscita. Occorre intervenire rapidamente in una delle gallerie per sostituire un giunto, un anello di collegamento che serve per tenere agganciato il manto stradale. Un’operazione che avverrà nelle prossime ore, ma nell’attesa ci sono state pesantissime ripercussioni sul traffico, sopratutto per i mezzi pesanti che hanno riempito le arterie. La 429 rappresenta il collegamento tra la Firenze-Siena e la Firenze-Pisa-Livorno. Le tre gallerie permettono ai mezzi pesanti di bypassare tre comuni prima di essere riversati sulla vecchia 429 in direzione di Castelfiorentino.

Ora la chiusura delle gallerie implica il passaggio dei mezzi pesanti che provengono da Poggibonsi lungo due arterie. La prima è quella di attraversare l’abitato di Badia a Elmi, frazione di San Gimignano, dirigersi sul ponte dell’Elsa e successivamente la circonvallazione di via Falcone Borsellino nel comune di Certaldo e successivamente costeggiare la zona industriale di via Toscana prima di riprendere il tracciato della vecchia 429. Una opzione che è assai critica. Imboccare lo storico ponte dell’Elsa, stretto e quanto mai bisognoso di un intervento di ammodernamento, non permette lo scambio di due mezzi pesanti, rallentando di fatto subito il traffico proveniente dal centro di Certaldo e dagli altri veicoli che sopraggiungono da Castelfiorentino. Da anni si parla di allargare il ponte dell’Elsa per ampliare la sua capacità di scambio. In campo ci sono tre comuni, due Province e Regione Toscana, anche se prima di questo progetto, sta andando avanti la realizzazione della rotatoria a ridosso del ponte dell’Elsa per favorire la comunicazione fra Certaldo e due frazioni, con forte presenza industriale, come Badia a Cerreto nel comune di Gambassi Terme, e Badia a Elmi nel comune di San Gimignano.
L’altra opzione possibile per i mezzi provenienti da Poggibonsi è quella di attraversare viale Fabiani ed imboccare il sottopasso di via Caduti sul Lavoro, per poi appunto dirigersi nuovamente verso la circonvallazione di via Falcone Borsellino. Ma su questa seconda opzione vi sono subito due considerazioni da fare: la prima è che vi sono dei mezzi non autorizzati in termini di peso a fare questo percorso, l’altra è che chi decide di percorrerla spesso resta incastrato nello stesso sottopasso, in quanto l’altezza del veicolo e rimorchio non collima per il suo transito. L’incidente avvenuto giovedì sera comporta la chiusura della variante della 429 composta da tre gallerie, realizzata da Anas e ora sotto la manutenzione da parte della Città Metropolitana di Firenze. Si sta cercando di riaprire quanto prima le gallerie e le tempistiche previste vanno da domenica sera fino a martedì. Era stato ipotizzato anche un senso unico alternato ma è stato deciso di lasciar chiuse le gallerie e consentire così alla ditta incaricata di poter lavorare celermente. Adesso si apre anche un’altra partita quanto mai importante, chiarire le cause di questo incidente. Come spiegato dall’ingegnere Francesco Ciampoli per la Città Metropolitana non è da escludere l’ipotesi legata al giunto, questo anello di congiunzione sul manto, che si è danneggiato e che potrebbe essere legato all'incidente. «Farò una relazione su quanto avvenuto per cercare di chiarire la causa» ha spiegato Ciampoli. —