Portò la pizza in Valdelsa, addio a Sergio Volterrani

Castelfiorentino. La comunità di Castelfiorentino piange la scomparsa di Sergio Volterrani, 84 anni, un personaggio storico e conosciuto della comunità che, tra i ristoratori, è stato tra i primi a portare la pizza in Valdelsa.Nonché, tra l’altro, un dirigente di Confesercenti che si è impegnato a lungo nell’associazione di categoria.

Una vera e propria figura la sua che è stata legata tutta la vita alla comunità castellana.La sua attività, nel mondo dei bar e dei ristoranti, partì con suo padre Nello, in un circolo nella frazione Sant’Andrea, nel comune di Gambassi Terme. Qui è iniziato il suo lavoro dietro il bancone.


Sergio poi si spostò ai Renai e nel 1959 al bar nella località dei Praticelli. Da qui al bar in piazza Grandi che fece da apripista al suo successo nel paese di Castelfiorentino.

Qui prese un fondo che ospitava un negozio di dolciumi e aprì in un secondo momento anche una pizzeria.

Il locale della famiglia Volterrani, assieme a quella storico di “Zimbo”, hanno rappresentato esempi da seguire per tanti imprenditori del settore e di quella zona.

Al momento dell’apertura della pizzeria Volterrani vi erano nel menu sette pizze. E su quelle fece fortuna.

Andando avanti nel tempo, nel 1990 si è trasferito poi in via dei Profeti in un vecchio casolare ristrutturato.Nel frattempo assieme a lui, nella preparazione del le pizze, iniziò a lavorare anche il figlio Massimo e i cugini Enrica ed Umberto. Negli anni seguenti ci sono stati passaggi di mano fino ad arrivare alla terza generazione della famiglia. Sergio Volterrani ha dato una mano concreta anche nel mondo dello sport.

Infatti è stato capace di inventare a Castelfiorentino un premio annuale da consegnare al miglior calciatore dell’anno e lasciarsi poi alle spalle varie iniziative anche nel mondo del basket. Sergio lascia i figli Debora e Massimo oltre che tantissimi ricordi e affetto nella comunità di Castelfiorentino che ha apprezzato sia la sua cucina che la sua figura. La salma è nella sua abitazione, in via Turati 8. Il funerale si svolgerà martedì 6 luglio alle 10 in forma civile. —