Contenuto riservato agli abbonati

Cinque per mille: nell'Empolese Valdelsa un tesoretto da 300mila euro

I contribuenti premiano 96 associazioni: in cima c’è quella di Iacopo Melio. L'elenco completo

EMPOLI. Il cinque per mille porta nel circondario oltre 300mila euro, che si suddivideranno 96 tra associazioni, società sportive, cooperative, fondazioni ed enti locali. Un tesoretto frutto della solidarietà dei contribuenti del circondario, che con le dichiarazioni dei redditi del 2020 hanno destinato la propria quota di tasse al territorio. In testa alla classifica delle organizzazioni senza scopo di lucro si conferma “Vorrei prendere il treno”, fondata da Iacopo Melio. La creatura dell’attuale consigliere regionale ha ricevuto 1.429 scelte da parte dei contribuenti aggiudicandosi ben 42.243 euro. L’importo è addirittura maggiore rispetto a quello raccolto l’anno precedente, quando l’asticella si era fermata poco sopra i 40mila euro. L’associazione nata dalla forza e dalla volontà di Melio opera nel campo della disabilità, promuovendo campagne di sensibilizzazione.

Seconda in classifica si conferma l’associazione volontaria del gatto randagio di Empoli Aristogatti, che con 799 scelte da parte dei contribuenti è riuscita a portare a casa poco meno di 21mila euro. Quindi sul terzo gradino del “podio” c’è La Calamita di Fucecchio: 576 scelte per un importo che sfiora i 20mila euro. La realtà fucecchiese è costituita da un gruppo di volontari impegnati nell’aggregazione giovanile con un centro polifunzionale e un parco giochi. Resta tra le onlus più apprezzate sul territorio la Parrocchia di San Martino in Campo, che si trova a Capraia e Limite. Sono stati 380 i contribuenti che hanno destinato il proprio cinque per mille all’associazione, per un totale di poco superiore ai 17mila euro.


Oltre a queste ci sono altre quattro associazioni che si sono aggiudicate un tesoretto superiore ai 10mila euro. “Noi da Grandi”, realtà empolese nata nel 2008 su iniziativa di genitori di ragazzi disabili con l’intento di promuoverne l’autonomia, ha ricevuto 14.389 euro. Astro (Associazione per il sostegno terapeutico e riabilitativo in oncologia), anch’essa con sede a Empoli, ne ha raccolti. A seguire la Misericordia di Empoli, che può contare su 12.911 euro. Mentre l’associazione empolese Amici Animali Ambiente 12.191 euro. Di poco inferiori sono gli importi che sono stati assegnati grazie alle scelte effettuate in dichiarazione dei redditi ad altre due onlus importanti di Empoli. La prima è Il Portale onlus, che ha sede all’interno della fondazione conservatorio Ss. Annunziata, con oltre novemila euro. La seconda, invece, è la Fondazione Sesa chele ha ottenuti poco meno. Quindi, troviamo due comuni dell’Empolese Valdelsa. Anche gli enti locali, infatti, hanno la possibilità di ricevere la scelta del cinque per mille. Il Comune di Empoli ha ottenuto 272 scelte per un ammontare totale di 8.319 euro. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA