Contenuto riservato agli abbonati

La rinascita de La Torre. In arrivo 107 nuove case

Il sopralluogo al cantiere dell'ex Lux a La Torre dove nasceranno 107 nuovi appartamenti (foto Carlo Sestini)

Montelupo, nell’area dell’ex vetreria Lux previsti appartamenti ad affitto concordato
assegnati in base a un avviso pubblico che uscirà ai primi di settembre

MONTELUPO. La vetreria Lux è stata per anni l’elemento caratterizzante della frazione de La Torre, della sua storia e del suo tessuto produttivo, ma ha anche rappresentato un nodo critico per quanto riguardava la salubrità dell’ambiente.
Per alcuni anni il futuro dell’area è parso incerto, con evidenti problemi di bonifica. I lavori di recupero del complesso ex vetreria Lux erano iniziati ormai 10 anni fa; da quattro anni il cantiere era fermo a causa del fallimento della prima ditta realizzatrice.
L’asta per la vendita dell’area è andata più volte deserta, fino a quando nel marzo 2020 l’intero complesso è stato acquistato dal Fondo “Housing Toscano” gestito da “Investire SGR SpA”.

Il progetto di recupero, lo ricordiamo, prevede la realizzazione di un complesso residenziale con 107 nuovi appartamenti e spazi pubblici con funzioni di ritrovo per i cittadini, una piazza, giardini e la sistemazione di via del Corso, oltre a un numero consistente di parcheggi in superficie e circa 150 parcheggi interrati realizzati però esclusivamente come posti macchina.
La disponibilità di parcheggi infatti è un problema molto sentito alla Torre.
È inoltre previsto che uno degli edifici storici del complesso sia destinato all’amministrazione comunale per essere utilizzato per funzioni di uso pubblico.
In questo luogo sarà sperimentata una gestione particolarmente innovativa che si basa sulla cultura dell’abitare sostenibile e collaborativo, prevedendo anche spazi comuni usufruibili da parte della comunità insediata.
Le condizioni relative al completamento del social housing Lux Living, le caratteristiche e i requisiti dei cittadini che sceglieranno di andarvi ad abitare sono dettagliate in una convenzione stipulata fra l’amministrazione comunale e la società Investire sgr per conto del Fondo “Housing Toscano”.
Uno degli elementi più interessanti del nuovo prto è la possibilità di accedere ad abitazioni di qualità per un’ampia fascia della popolazione: nuclei che hanno un Isee entro la soglia massima di 35.000 euro.
Condizione essenziale per l’assegnazione dell’appartamento sarà l’incidenza del canone di locazione sul reddito complessivo dichiarato ai fini Irpef, che non potrà essere superiore al 30%. Ad esempio per un canone di locazione di circa 450 euro sarà necessario dimostrare di avere a disposizione redditi per almeno 15.000 euro. L'impossibilità di sostenere economicamente l'affitto sarà causa di esclusione.
Gli appartamenti saranno assegnati in base a un avviso in pubblicazione a settembre 2021. Fra tutti coloro che hanno risposto all’avviso saranno formulati tre diversi elenchi in ordine di presentazione della domanda e sarà data priorità ai residenti di Montelupo, poi ai residenti nei Comuni dell’Empolese – Valdelsa e poi alle persone residenti in altri territori.
«L’intervento Lux Living è un ottimo esempio di sinergia fra pubblico e privato – ha detto il sindaco Paolo Masetti – Come Comune avevamo un problema di non poco conto. Un’area privata, ex industriale da bonificare, il cui intervento di recupero era fermo da anni. Grazie all’acquisizione da parte di Investire sgr, non solo sarà recuperata l’area, con la realizzazione di spazi a verde e di condivisione e la conseguente riqualificazione della frazione, ma avviamo anche progetti di valore sociale». —