Contenuto riservato agli abbonati

La Valdelsa presa d’assalto dai turisti. Fioccano le prenotazioni nelle ville

Una veduta dal drone della tenuta di Sticciano nella frazione di Fiano (Certaldo)

Hotel Villa Bianca di Gambassi: «Siamo partiti col piede giusto». Al castello della Tenuta Sonnino già esaurita l’agenda del 2022


VALDELSA. Centinaia di richieste di prenotazioni con un turismo soprattutto italiano e poi europeo, pronto a dare una mano al territorio della Valdelsa. Sono le prime indicazioni che arrivano dalle strutture del territorio che stanno attraversando finalmente un buon momento e sul quale si registrano prenotazioni ed eventi fino alla fine di settembre. Il covid 19 allenta la presa e le strutture del territorio cominciano a respirare.

Nel comune di Gambassi Terme vi è l'hotel 'Villa Bianca', che risale al diciannovesimo secolo. Qui vi sono otto camere con 17 posti letto. La responsabile organizzativa, Serena D'Urso, con esperienze fra Castelfalfi nel comune di Montaione e la villa di Cambiano nel comune di Castelfiorentino, è arrivata ad ottobre 2020 al timone della struttura: «Questa villa selezionava molto la sua clientela, ma adesso occorre fare un ragionamento molto più complesso. La fascia media, come clientela, gira ed è pronta per recarsi in luoghi come questi. Ho rivoluzionato così il taglio che era stato dato, rendendolo più accessibile a tutti. Si possono fare pranzi, colazioni, merenda e apericena che sono rivolti ai clienti dell'hotel e agli ospiti».
Una partenza che infonde grande fiducia: «Abbiamo avviato la stagione con il piede giusto, le prenotazioni ci sono sopratutto dall'Austria, Polonia ed Ungheria, oltre all'Italia. Inoltre, anche se l'America non invita a recarsi nel nostro paese, gli americani stanno dimostrando il loro grande affetto per l'Italia». Sui matrimoni: «Abbiamo qualche evento in cantiere che stiamo definendo. Ad ottobre vi sarà un matrimonio fra due donne, mentre a luglio arriveranno dall'Austria» conclude D'Urso.

A Certaldo la tenuta di Sticciano, nella frazione del Fiano, rilevata dal magnate del mondo immobiliare, Ching Chiat Kwong, ha riaperto ufficialmente i battenti nei giorni scorsi e si prepara ad accogliere i clienti nella propria struttura e anche ospiti. I numeri sono considerevoli: 105 posti letto a disposizione e 90 già occupati da ospiti. In arrivo un cartellone di eventi e uno spazio già predisposto, dove trovano visibilità eccellenze del territorio per una vetrina di grande spessore.

Numeri significativi anche per il Paluffo, villa padronale, sempre nelle campagne di Certaldo, all'insegna della ecosostenibilità, dove gli italiano giocano un ruolo decisivo per la stagione 2021: «Quest'anno punteremo più che mai sull'affetto dei nostri concittadini, perché gli stranieri si muoveranno ma nei prossimi mesi, secondo le nostre indicazioni. Le prenotazioni ci sono e rappresentano una ottima iniezione di fiducia. A Montespertoli, vi è il castello 'Tenuta Sonnino', guidato dalla baronessa Caterina De Renzis Sonnino. La famiglia da oltre due secoli produce vini e oli extravergine. «Con i nostri vini avevamo una fetta importante del nostro business, dove il pubblico straniero rappresentava circa il 90%, con 7mila visite all'anno nel castello». Una torre del '200 che svetta sul Chianti e una ripartenza, avvenuta proprio nei giorni scorsi: «Abbiamo deciso quindi di lavorare con giovani del territorio per poter aprire la nostra tenuta anche a coloro che non soggiornano qui. Con lo staff del Chiosco ai Renai dalle 18 in poi si potranno fare apericene che ci permetteranno di accogliere 80 persone all'aria parte» spiega la baronessa. Bloccati nel 2021 i corsi universitari destinati agli studenti americani che da marzo a luglio riempivano i locali:«Siamo pronti a guardare al 2022, dove abbiamo già il tutto esaurito».

Infine un segnale importante da una maison mondiale come Gucci:«La nostra tenuta è stata scelta fra 10 di tutto il mondo come sede per eventi di spessore che ci permettono di avere clienti importanti. Sono pronti per ripartire e questo è una vera e propria spinta». Numeri importanti anche da Castelfalfi, acquistata dal gruppo indonesiano Indorama che ha rilevato la tenuta dalla TUI. Vi sono prenotazioni significative a livello europeo e anche oltreoceano. Una flessibilità importante, grazie anche alla facilità con la quale si può disdire qualora si decidesse di fare un passo indietro . —

RIPRODUZIONE RISERVATA