Riapre lo Chalet nel parco: ecco cinque assunzioni

Il locale di Canonica è stato affidato dal Comune alla società dello scorso anno. «Abbiamo tempo davanti, possiamo programmare investimenti più importanti» 

CERTALDO. Riaprirà entro la fine di maggio lo Chalet di Canonica e si prepara a farlo con cinque assunzioni.

Il punto di ritrovo della Valdelsa per merende, aperitivi e cene sta accelerando tutti gli interventi necessari per accogliere nuovamente i giovani, dopo che ad aggiudicarsi il bando di gara promosso dal Comune di Certaldo è stata la società Astemio, con sede legale a Poggibonsi. Nessuna novità ma un segno di continuità che vede tre certaldesi e un castellano al timone di una delle realtà più gettonate al momento del territorio.


Sono Cosimo Neri, Alessio Ninci e Gianni Corsi, i certaldesi e infine Alessio Ciurini, residente di Castelfiorentino. La loro società ha con l’amministrazione comunale un contratto di sei anni, con altri sei possibili, con un affitto di 900 euro al mese.

Il Comune, nel suo bando, ha messo regole chiare: apertura consentita da maggio a settembre. Mesi che combaciano perfettamente con gli interessi e i tempi dello stesso Chalet che accoglie soprattutto studenti e quindi giovani. L’anno scorso l’apertura avvenne a giugno inoltrato, ma adesso si cercherà di partire a fine maggio: «Non abbiamo potuto fare prima i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, perché occorreva attendere i tempi necessari per l’aggiudicazione del locale», spiega Cosimo Neri, che a Certaldo gestisce anche il Salotto Negroni, il bar del cinema multisala Boccaccio. Una attesa per il bando che a Neri e agli altri ha creato qualche apprensione. Per la prima volta infatti la possibilità di partecipare era aperta a tutti, senza un affidamento diretto. Alla fine hanno presentato un piano importante e l’hanno spuntata. «Adesso con una gestione più lunga, a livello temporale, si possono programmare investimenti di lungo respiro», aggiunge Neri.

Attualmente i posti a sedere sono circa 200 e rappresentano una occasione a tutti gli effetti nei tempi di Covid: «Se dovesse restare il coprifuoco fino alle 22 intensificheremo le merende, le cene e gli aperitivi – va avanti Neri – Il nostro auspicio è quello di replicare e vivere una situazione simile a quella di giugno 2020, dove abbiamo capito come gestire questa complicata situazione».

La zona di Canonica sarà presidiata dal personale dello Chalet a cominciare dal parcheggio, dove si cercherà di ridurre al minimo la confusione e monitorare la pulizia dello stesso spazio verde.

La squadra che ci lavora è composta da circa 15 persone al momento e per la ripartenza occorrono cinque camerieri, anche alle prime armi.

Si può mandare il curriculum ad astemiosrls@gmail.com. E non è detto che i numeri non possano salire.

Nei prossimi giorni verrà fatta una riunione per il nuovo avvio. Novità anche sul versante della ecosostenibilità, a cominciare dai bicchieri che sono stati tutti realizzati con materiali riciclati. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA