Contenuto riservato agli abbonati

Apre “Casa Grazia” e assume sette persone: come candidarsi

La chef Federica Continanza

Certaldo: oltre al ristorante, c’è anche il servizio di chef a domicilio. Si cercano cuochi, camerieri e personale per gestire agriturismi

CERTALDO. Mette in campo il progetto “Casa Grazia” che ha più risvolti: vetrina delle eccellenze agricole del territorio fra Certaldo e San Gimignano, ristorante all’interno della struttura, che è di fatto non tanto un ristorante ma una grande casa, e la gestione di quelli negli agriturismi nella zona. Un progetto che prevede sette nuovi posti di lavoro per la stagione estiva.

A portare avanti “Casa Grazia” è la chef Federica Continanza, 41enne empolese. Il 5 giugno ci sarà l’inaugurazione: a “Casa Grazia” si riceveranno ospiti a pranzo, in quella che è stata una vecchia scuola degli anni Trenta fra Certaldo e San Gimignano, un’area questa capace di calamitare turisti da ogni parte del mondo con un interesse crescente nel corso degli anni, frenato solo dalla morsa del Covid. L’’immobile di “Casa Grazia” appartiene alla famiglia certaldese di Saverio Bardi, il quale ha concesso a Federica di poter ristrutturare i locali e dare una nuova vita a questa struttura.


La cucina di Federica è a chilometro zero ed è cominciata quando aveva 11 anni: «Quando la cena non era pronta, in casa mi divertivo con una stufa a legna a sperimentare i piatti di mia madre». Allora viveva nella campagna empolese. Poi cominciò a lavorare in una osteria vicino a Sammontana, vinse anche un concorso come dipendente comunale a Empoli che, però, decise di rifiutare. «Avevo una passione sconfinata per la cucina – racconta – e decisi di non prendere in considerazione il posto da impiegata. In qualche attività, pur di imparare, passavo mattinate a pulire le patate». Da Empoli si trasferì poi a Firenze, dove ha consolidato le sue conoscenza con serate a tema in locali come Moyo. Poi il ritorno in provincia, a Certaldo dove ha gestito il bar di piazza della Libertà. Nel 2009 le venne l’idea di fare la chef a domicilio. Da lì ha insegnato come docente all’istituto Apab di Firenze (cucina biodinamica sostenibile e vegana), alla Dynamo Camp e all’interno del carcere minorile di Firenze. Fra le sue varie collaborazioni anche quella con la Tenuta di Sticciano e le Giubbe Rosse di Firenze. Collaborazioni che hanno portato la sua cucina fino in America.

Poi è riuscita a concretizzare il progetto “Casa Grazia” con la convinzione che la ripartenza, in territorio turistico, sia possibile e imminente. «Si avvicina per me una inaugurazione molto importante – racconta – che permetterà di offrire un servizio di nicchia, quello di mangiare in casa della chef». Si è appoggiata poi a due strutture del territorio, come la fattoria di Sant'Andrea e “Il Castro”, puntando a offrire servizi anche agli ospiti di queste strutture.

L’attività di “Casa Grazia” sarà infatti proiettata anche all’esterno. «Durante una visita ho avuto come ospiti alcuni imprenditori che erano venuti a degustare i miei prodotti – racconta – Una di queste famiglie mi ha fatto una proposta: mi hanno chiesto di diventare la loro chef e gestire alcune strutture ricettive. Ho accettato con grande piacere questa sfida».

Il 5 giugno, infine, già fin dall’inaugurazione le associazioni e le aziende agricole del territorio potranno posizionare i loro banchi per presentare gratuitamente i loro prodotti: «Siamo di fronte ad una vera opportunità – va avanti – Ci sono anche alcune attività che faranno durante l’estate serate a tema come “I Piaceri della Carne” di Certaldo».

Per il progetto di Federica Continanza occorrono tre camerieri, due giovani chef e due profili esperti con competenze organizzative e gestionali di agriturismi. Si possono inviare i curriculum a fedecontinanza@gmail.com. «Servono persone volenterose e pronte al cambiamento, con una ottima conoscenza dell’inglese – va avanti Continanza – valuteremo anche stagisti. Noi li formeremo soprattutto per quanto riguarda la cucina». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA