Addio a Matteo morto a 13 anni, era gravemente malato dalla nascita

I funerali si svolgeranno nella chiesa di San Quirico e Santa Lucia all'Ambrogiana

MONTELUPO. Si è spento a soli 13 anni Matteo Gelardi Cianchi, affetto fin dalla nascita da una grave malattia. Il ragazzo è stato assistito fino alla fine dalla famiglia, che per tutti questi anni ha tentato in ogni modo di alleviare le sue sofferenze. La madre, Sandra Cianchi, figlia di Alessandro e Siliana Cianchi, se n’è presa cura fino all’ultimo. Nonostante le amorevoli cure, e i tentativi fatti negli anni anche con interventi importanti all’ospedale di Massa quando Matteo era ancora molto piccolo, ieri il ragazzo è deceduto. Una fragile vita che ha avuto bisogno di assistenza continua della famiglia ventiquattro ore su ventiquattro, sempre in un letto, e sempre amato. A Montelupo in molti hanno voluto esprimere la propria vicinanza - purtroppo virtuale data anche la situazione sanitaria - alla famiglia, e il paese si è stretto nel dolore attraverso le pagine Facebook locali.

I Cianchi, infatti, sono molto conosciuti in paese, e ancora è viva la memoria del bisnonno di Matteo, Tosco Cianchi, che era proprietario della locanda Dal Moro, all’angolo tra il ponte e piazza 8 marzo. La locanda ha chiuso ormai da anni, e lì dove c’era uno dei punti di ritrovo più conosciuti degli anni Sessanta, oggi ci sono le Poste. Il nonno Alessandro, invece, fu, dal 1990 al 1999, sia consigliere comunale che assessore del Comune di Montelupo Fiorentino, con Marco Montagni sindaco. Il funerale si svolgerà martedì 4 alle 16 nella chiesa di San Quirico e Santa Lucia all’Ambrogiana.