Contenuto riservato agli abbonati

Salvi 17 posti di lavoro dell’azienda La Falegnami di Castelfiorentino

Lo stabilimento "La Falegnami" di Castelfiorentino (foto Carlo Sestini)

L’imprenditore marchigiano Rossini ha sottoscritto un accordo per l’acquisizione dello stabilimento e del marchio

CASTELFIORENTINO. La famiglia Rossini dà una nuova speranza a La Falegnami di Castelfiorentino, concludendo felicemente una trattativa di acquisizione aziendale che andava avanti dallo scorso gennaio. Sono salvi per ora 17 posti di lavoro tra i dipendenti dell'azienda di arredamento, specializzata in produzione di camerette, con altri 32 addetti i quali verranno inseriti in un accordo di ripescaggio quinquennale, in una lista dove la nuova proprietà potrà attingere per ampliare la propria forza lavoro. L'accordo è stato sancito nelle scorse ore e prevede l'acquisizione dello stabilimento di via Niccoli e dello storico marchio da parte del Gruppo Zappalorto, con sede a Monte San Savino ma recentemente acquisito dall'imprenditore maceratese Giorgio Rossini. La Falegnami, fondata nel 1949, era per il 49 per cento di proprietà del presidente del consiglio di amministrazione, Federico Bertini, mentre il restante 51 per cento apparteneva ad altri sette soci tra cui gli eredi di Marcello Isolani, lo storico patron venuto a mancare nel 2018. L'azienda castellana, una delle più rappresentative della Valdelsa Fiorentina, veniva da un decennio di crisi senza fine: nel 2012 ben 90 dei 102 dipendenti dell'epoca furono messi in cassa integrazione, nel 2018 i lavoratori erano scesi a 70 e per loro arrivarono 22 lettere di licenziamento. I dipendenti si tagliarono le ore di lavoro e i salari pur di mantenere i livelli occupazionali, ma nei mesi successivi le maestranze si erano già ridotte a 55 unità nell'estate del 2018. Nelle ultime settimane ci sono stati tavoli serrati di trattativa, a cui hanno preso parte oltre a Giorgio Rossini anche i sindacati, Confindustria, Carmeno Toscano dell'unità di crisi della Regione oltre al consulente del presidente Eugenio Giani, Valerio Fabiani.

L'annuncio del “salvataggio”de La Falegnami è stato fornito oggi pomeriggio dal sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni, il quale ha avuto modo di conoscere l'imprenditore marchigiano che ha deciso di investire in Valdelsa. «Mi sembra un risultato di gran lunga più soddisfacente dell’orizzonte verso cui l’azienda si era indirizzata – commenta il primo cittadino – con una cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività, che aveva fatto perdere il posto di lavoro a tutti i lavoratori e prefigurava la chiusura dello stabilimento». Raggiunto l'accordo, ora resta da conoscere le tempistiche di ripresa della produzione. —
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA