Covid: al via la campagna di monitoraggio, ogni giorno tamponi a cinque studenti in ogni scuola

Dal 25 gennaio tamponi antigenici in sette istituti superiori (foto archivio)

I  test saranno effettuati a partire dalla prossima settimana nei primi sette istituti superiori selezionati dalla Regione

EMPOLI. Partirà dalla prossima settimana nei primi sette istituti superiori selezionati dalla Regione la campagna di monitoraggio della popolazione scolastica nel circondario. Istituto tecnico industriale “Ferraris”, geometri “Brunelleschi”, liceo classico “Virgilio”, tecnico economico e turistico “Fermi”, liceo scientifico “Pontormo” di Empoli e liceo scientifico “Checchi” di Fucecchio. Ogni giorno verranno testati cinque studenti per ogni scuola con tamponi antigenici. Questo almeno all’inizio. Poi toccherà agli studenti di tutte le altre scuole superiori, fino al personale docente e non docente.

Il progetto “Scuole sicure”, lanciato dalla Regione in collaborazione con le aziende sanitarie toscane, è stato rivisto e ampliato dalla giunta regionale pochi giorni fa. Inizialmente l’attenzione era ricaduta sui contesti e i «territori considerati a maggiore rischio nella fase corrente». Poi, però, con una delibera il focus è stato allargato a tutte le scuole superiori. La campagna di monitoraggio attraverso i tamponi rapidi coinvolgerà da subito i ragazzi delle sette scuole già selezionate e poi si estenderà alle altre. Parallelamente sarà attivato il servizio per il personale scolastico, docente e non docente. «Il progetto “Scuole sicure” si propone di monitorare l’andamento dell’epidemia da Covid - scrivono nella relazione i responsabili dell’azienda guidata da Paolo Marchese Morello- nei contesti scolastici e inveire rapidamente nei casi di positività». L’azione è motivata anche dal fatto che «nelle ultime settimane la casistica toscana dei nuovi positivi minorenni non è affatto banale, attestandosi intorno al 13% di quella generale».

L’incremento di casi tra i minorenni, e in particolar modo nella fascia scolare che frequenta il secondo ciclo, è alla base del piano di screening voluto dalla Regione e varato dall’Asl Toscana Centro.

Nella fase iniziale del progetto saranno coinvolte 64 scuole superiori a livello di area e nel circondario, come detto, saranno sette per un totale di 4.200 studenti. Al “Ferraris” sono 924, al “Brunelleschi” 255, al classico “Virgilio” 835, al “Fermi” 816, allo scientifico “Pontormo” 785 e allo scientifico “Checchi” 584.
Lo screening sarà effettuato con test Fujirebio e l’accettazione verrà effettuata attraverso liste nominative. A ciascuno studente coinvolto dovrà essere richiesto il consenso informato. L’attività sarà svolta direttamente all’interno di ogni scuola, in uno spazio individuato dai dirigenti scolastici. L’effettuazione dei tamponi sarà affidata alle associazioni di volontariato convenzionate. Una volta fatto il prelievo, il tampone dovrà essere portato in laboratorio per l’analisi e l’esito sarà disponibile in circa sei ore. I test eseguiti sugli studenti sono ripetuti settimanalmente nella classe selezionata, tuonando i ragazzi campionati. In caso di positività al test antigenico sarà effettuata la verifica sullo stesso campione con test molecolare e qualora la positività venisse confermata sarà subito attivata l’attività di tracciamento. —