Arrivano i rinforzi per il servizio di guardia medica

Personale sanitario si prepara per visitare a domicilio un paziente che presenta sintomi Covid

L'Asl ne assume 13 e potenzia il servizio di continuità nell'Empolese Valdelsa

EMPOLI. Arrivano nuovi medici per rafforzare il servizio di continuità assistenziale nel circondario.
L’Asl Toscana Centro, anche alla luce delle accresciute necessità legate all’emergenza Covid-19, ha conferito 13 incarichi a tempo determinato ad altrettanti professionisti che opereranno come guardie mediche negli ambulatori del territorio. Nel complesso l’azienda sanitaria ha incaricato oltre 200 medici per la copertura del servizio in tutta l’area di riferimento. Quello di continuità assistenziale, d’altra parte, è un servizio di primo livello attivo nelle ore notturne e nei giorni festivi o prefestivi ed è rivolto a quei pazienti che non possono attendere il rientro in servizio del proprio medico curante senza danno o rischio per la propria salute.

 L’ex guardia medica è attiva, infatti, tutti i giorni dalle 20 alle 8, il sabato, la domenica e i festivi dalle 8 alle 20 e i prefestivi dalle 10 alle 20. Le attività prestate vanno dalla prescrizione di farmaci per terapie indifferibili al rilascio di certificati di malattia o di riammissione al lavoro, dalle richieste di ricovero fino alla constatazione di decesso. Mentre non vengono effettuate richieste di esami di laboratorio e di visite, richieste di ricovero o di trasporto sanitario in ambulanza programmato, ripetizione di prescrizione per terapie croniche e nemmeno vaccinazioni. Il servizio, in virtù della nuova normativa anti-contagio, si attiva telefonicamente.

Nell’Empolese Valdelsa le zone di riferimento sono cinque, a cui se ne aggiungono due del Valdarno. In città il servizio di continuità assistenziale è svolto presso la casa della salute all’interno del Centro commerciale Empoli di via Sanzio. Per quanto riguarda l’area dei Comuni di Capraia e Limite, Montelupo e Vinci gli ambulatori sono al distretto sanitario di Montelupo e alla casa della salute di Sovigliana. Nell’area Castelfiorentino-Montespertoli, i presidi sono l’ospedale Santa Verdiana e la casa della salute di Montespertoli. A Cerreto Guidi e Fucecchio, ambulatori attivi presso la casa della salute di via dei Fossi nel primo Comune e all’interno dell’ospedale San Pietro Igneo. Infine, nella zona di Certaldo, Gambassi Terme e Montaione il servizio è attivo nella sede della Croce rossa di Certaldo e nella casa della salute di Montaione
. I medici incaricati dall’Asl Toscana Centro avranno un contratto di massimo tre mesi. Una parte di essi è stata coinvolta per svolgere il servizio di reperibilità, cioè sarà chiamata in servizio nel caso di assenze improvvise dei medici di turno in determinati spezzoni orari (cioè dalle 19 alle 20,30 dei giorni feriali e festivi e dalle 7 alle 8,30 dei giorni festivi e prefestivi). Nel territorio dell’ex Asl 11, tuttavia, gli incarichi sono stati conferiti tutti per la copertura dei turni pieni di continuità assistenziale. Nello specifico tre medici saranno messi in servizio a Empoli, altrettanti a Montelupo, due a Certaldo e uno ciascuno a Castelfiorentino e Fucecchio. Mentre altri tre saranno impiegati nel Valdarno. —