Prima le promozioni, ora via coi saldi. Ma i commercianti empolesi guardano già al 2021

Il negozio Ecru: «Le aperture serali hanno attirato i ragazzini, i veri clienti li attendiamo al rientro dalle ferie»

EMPOLI. Primo giorno di saldi: aspettative incerte e molta cautela da parte dei commercianti del centro storico di Empoli, dove emergono intenzioni e azioni diverse esercizio per esercizio. Ci sono due tratti comuni però che legano le singole attività: da una parte uno sguardo al “bicchiere mezzo pieno” degli incassi post lockdown, dall’altra il fatturato delle aperture del giovedì dopo cena il quale, a detta degli intervistati, è stato generalmente minore rispetto all’attività in orario diurno.

Tani 59 ha inaugurato il 20 giugno in via del Giglio al posto di un altro negozio di abbigliamento: «Secondo me aprire una serata è sufficiente – spiega la dipendente Lucia Vocino – perché comunque dopo cena ci sono soprattutto adolescenti. Molti aspettano i saldi ma noi abbiamo anticipato con alcune promozioni al 30%. Forse era meglio mantenere i saldi a luglio invece che spostarli avanti per via del Covid. In ogni caso l’aspettativa c’è. Chiuderemo il negozio la settimana di Ferragosto, non valeva la pena restare aperti in quei giorni». Chi invece non abbasserà praticamente mai le saracinesche, se non tre giorni intorno alla festività centrale del mese, è GM Atelier: «Abbiamo fatto un scelta diversa da altri – spiegano Massimo Moschini e Angela Gorini – per esempio sul tema delle promozioni anticipate rispetto ai saldi. Abbiamo applicato degli sconti, ma privilegiando la clientela fidelizzata. Non abbiamo grosse attese sui saldi, un po’per via del Covid, un po’perché molti sono partiti con i saldi. Non ci aspettavamo molto nemmeno dalle aperture dopo cena, gli assembramenti non erano possibili e tanta gente in giro non era qui per lo shopping.

Molti erano ragazzini, abbiamo dato più un contributo di immagine che altro. Però rispetto al pensiero nei giorni di lockdown, è andata meno peggio. Serve calma per traghettarci alla prossima primavera/estate». Chiuderà invece per una buona parte del mese il negozio Ecru di Andrea Pagni: «Non abbiamo aspettative sui saldi, sono un punto interrogativo gigante – spiega l’imprenditrice – non è stato il vero luglio empolese, abbiamo lavorato più il giorno che la sera. Persone sono girate ma la sera ci sono soprattutto tanti ragazzi. La gente è tornata, aveva voglia di fare acquisti dopo un inizio un po’lento. Mettere i saldi prima di adesso sarebbe stato un colpo duro per i negozi. Dal 13 al 24 chiuderemo, già adesso la maggior parte dei clienti è in ferie». Chi non chiuderà mai è il negozio della catena Rinascimento: «Stiamo già facendo promozioni prima dei saldi – spiega Asia Zannelli – speriamo che i saldi anche in agosto smuovano un po’le persone. Non chiuderemo mai questo mese e siamo aperti anche le sere del martedì. Comunque dopo cena molti più ragazzi che clienti, qualcosa si è smosso l’ultimo giovedì. In generale c’è però voglia di comprare in negozio e non solo online».