Dà in escandescenze in un negozio e muore durante l'intervento di polizia e soccorritori

La Polizia davanti al negozio Taj Mahal di via Ferrucci a Empoli

Un tunisino di 31 enne è stato colpito da arresto cardiaco. Il titolare della bottega-money transfer gli aveva rifiutato un trasferimento di pochi euro e alla sua reazione aveva chiamato le forze dell'ordine

EMPOLI. Un 31enne tunisino è morto questa sera, giovedì 17 gennaio, nei pressi di un negozio-money transfer di Empoli, durante l'intervento di agenti di polizia e soccorritori del 118, chiamati dal titolare del negozio poiché aveva dato in escandescenze.
 
 
Il 31enne, secondo quanto si è appreso da fonti investigative, si era presentato nel negozio Taj Mahal di via Ferrucci (una bottega che vende alimentari spezie e svolge anche servizio di money transfer) per trasferire del denaro, 20 euro. Al rifiuto del titolare, che temeva che la banconota che aveva con sé fosse falsa, l'uomo avrebbe perso il controllo di sé.
 
 
Di fronte alla sua reazione il negoziante avrebbe avvisato polizia e il 118. l tunisino si è agitato e sembra che sia uscito all'esterno. Gli agenti sono arrivati e lo hanno bloccato per verificare quanto detto al 113 dal negoziante. Nel frattempo, mentre il 31enne dava in escandescenze e diventava difficile tenerlo calmo, è intervenuto anche il 118.   Mentre poliziotti e sanitari parlavano con l'uomo, questo, in stato di agitazione, ha perso conoscenza a causa dell'attacco cardiaco ed è morto. Ci sono stati immediati tentativi di rianimarlo ma poi è deceduto.
 
Varie fasi della vicenda sarebbero state riprese dalle telecamere interne del money transfer. Sul posto è stato disposto un sopralluogo a cui partecipa anche il pm di turno Christine von Borries.. 
 
La polizia dentro il locale
La guida allo shopping del Gruppo Gedi