Fucecchio alla scoperta del suo “piccolo Mozart” - Video

Pierpaolo Buggiani, 11 anni, non smette di collezionare vittorie nei concorsi. Martedì si esibirà nella sua città per il concerto natalizio de La Calamita

FUCECCHIO. Alessio Buggiani non lo sapeva. Non sapeva di avere in casa un piccolo prodigio del pianoforte, che dal vecchio strumento di casa è già arrivato ai concorsi regionali e nazionali, spesso portando a casa vittorie e attestati. Pierpaolo Buggiani è un ragazzino di 11 anni, che ha scoperto di avere un feeling tutto speciale con quei tasti mezzi bianchi e mezzi neri e con quei pedali. Perché per trasformare in melodia i movimenti di mani e piedi, serve una “coordinazione” mentale che non tutti hanno.

Ecco Pierpaolo, il piccolo "Mozart" di Fucecchio



Martedì, a Santo Stefano, per il baby-prodigio del piano sarà l’occasione di essere profeta in patria. Prossimo appuntamento che lo vedrà protagonista insieme ad altri giovani allievi del M. Berni, sarà infatti il concerto di Natale “Di Suoni in...Canto” organizzato dall’associazione La Calamita Onlus, che si terrà alle 15.30 al santuario di Santa Maria delle Vedute di Fucecchio e il cui ricavato andrà a sostegno delle attività del centro di aggregazione de La Calamita, in piazza D’Acquisto. Ma come è nato l’estro del giovane Pierpaolo? A raccontarlo è il padre, Alessio Buggiani: «Abbiamo il pianoforte in casa, ricordo della nostra famiglia. Un vecchio strumento fermo da tempo, fin quando Pierpaolo ha dimostrato un’inaspettata curiosità e predisposizione per quell’oggetto; da piccolo già riusciva a fare le prime “scale”, così decidemmo di portarlo dal maestro Berni. Fu lui a farci capire che Pierpaolo ha delle doti eccezionali in quanto a predisposizione per il suono del pianoforte. Già a 6 anni ha fatto i primi concorsi e sarebbe già potuto essere in tv».

Un talento, racconta al padre, unito ad un carattere sensibile: «Sì, forse mio figlio è una mosca bianca, considerando le passioni che hanno i suoi coetanei. È un ragazzo timido, che sta crescendo e cambiando, che ama ascoltare la musica». Ma non la musica “di massa”, verrebbe da dire. All’amore per il pianoforte il piccolo Buggiani unisce un’altra passione, che all’apparenza non c’entra nulla: quella per il nuoto.

Verrebbe da dire che come galleggia e si muove in acqua, la stessa cosa la fa con le proprie dita che si muovono armoniose sopra i tasti del pianoforte.

Pierpaolo Buggiani ha già partecipato a 54 concorsi pianistici nazionali ed internazionali in Italia e all’estero, vincendo ben 44 primi premi di cui 15 assoluti o piazzandosi comunque sempre al secondo o al terzo posto. Sono questi i numeri del giovanissimo pianista, allievo da sempre del maestro Fabrizio Berni che lo segue musicalmente da quando Pierpaolo, a quattro anni e mezzo cominciò lo studio sistematico del pianoforte. L’orecchio assoluto, una innata predisposizione alla musicalità, delle piccole mani che volano sulla tastiera con naturalezza e agilità, sono doti che, con la tecnica, affinata grazie alle lezioni di Berni, hanno dato anche la possibilità all’enfant prodige fucecchiese di superare col massimo dei voti l’esame conclusivo del primo triennio dei corsi preaccademici presso il Conservatorio “Franci” di Siena. Pierpaolo si è esibito in numerose manifestazioni e concerti in giro per l’Italia e sta diventando una giovane promessa della musica classica non solo locale.