Banca Etruria, Empoli tappezzata di striscioni di protesta dei risparmiatori

Gli striscioni affissi allo stadio Castellani

Dallo stadio Castellani ai cavalcavia della Fi-Pi-Li fino alle rotatoria, spuntano slogan contro l'arbitrato: "Sopra la banca la casta campa, sotto la banca l'Italia crepa"

EMPOLI. Nuovo blitz dei risparmiatori di Banca Etruria, che da mesi portano avanti la loro battaglia per riavere i loro soldi. Dopo la serie di manifestazioni a Roma, i blitz a Rignano, nel paese del premier Matteo Renzi e a Laterina, fin sotto casa del ministro Maria Elena Boschi, stavolta - nella notte di mercoledì 27 aprile - hanno tappezzato Empoli con una dozzina di striscioni.

Dai cavalcavia della Fi-Pi-Li alla rotatoria di Santa Maria, fino allo stadio Castellani sono comparsi slogan indirizzati al governo e al presidente dell'Anticorruzione Raffaele Cantone che gestisce l'arbitrato: "Eterno riposo ai risparmi, eterno saluto al voto", "Banca Etruria vs risparmiatori azzerati, arbitra Cantone"; e ancora "si arbitrano le partite di pallone, non i diritti delle persone", "azzerati dal governo, truffati dalle banche: giustizia per il risparmio". Fino a "sopra la banca la casta campa, sotto la banca l'Italia crepa".

La nuova protesta dei beffati dal Salvabanche

Gli stessi risparmiatori fanno sapere di aver tappezzato la città con gli striscioni "come forma di protesta per le tante parole spese e nessun fatto concreto da parte delle istituzioni. Ogni giorno esce la notizia dell'uscita del decreto che puntualmente viene rimandato. Noi ribadiamo la nostra ferma convinzione del "no" all'arbitrato perché è umiliante anticostituzionale e illegittimo. Quelli sono i nostri risparmi e non dobbiamo dimostrarne il merito. Siamo cittadini onesti che continueranno a reclamare i propri diritti in tutte le forme fino a quando non saremo tutti indistintamente rimborsati senza se e senza ma".

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi