Vigilantes davanti alle Coop contro furti e mendicanti

Un agente della vigilanza in servizio davanti alla Coop di via Susini, a Empoli

Empoli, debutto in via Susini dopo un raggiro e una richiesta insistente di soldi finita a botte ma il servizio sarà esteso agli altri supermercati: «Dobbiamo tutelare i nostri soci» - Commenta

EMPOLI. La Coop dichiara guerra a ladri, mendicanti e truffatori. Che troppo spesso trasformano i parcheggi davanti ai supermercati in una terra di conquista, dove mettere in atto furti, raggiri (con gli anziani che sono le vittime preferite), o – nella migliore delle ipotesi – chiedere spiccioli con un’insistenza ai limiti dello stalking (e dell’estorsione). E così davanti alla Coop di via Susini a Empoli sono spuntati i vigilantes. Una presenza che dovrebbe contribuire a tenere alla larga i malintenzionati.

La novità sarà presto estesa agli altri supermercati e centri commerciali Unicoop della zona, proprio perché il problema non riguarda esclusivamente via Susini (e, in generale, la Coop). Però negli ultimi tempi si sono verificati una serie di episodi spiacevoli, che hanno spinto i vertici a scegliere questo supermercato come “cavia”. L’ultimo, in ordine di tempo, proprio pochi giorni fa, quando un cliente è venuto alle mani con un mendicante: alla base dell’alterco ci sarebbe stata la solita “caparbia” richiesta di spiccioli.

Un altro episodio spiacevole era stato denunciato ai carabinieri poco tempo fa quando una mendicante aveva convinto una ragazza con problemi psichici a farle la spesa. Per fortuna, quando la giovane era arrivata alla cassa, alle sue spalle c’era una sua conoscente. Che le chiese per quale motivo avesse comprato tutte quelle cose. E lei aveva risposto candidamente: «Non sono per me, ma per una signora che è fuori». A quel punto intervenne il personale del supermercato, ma quanto accaduto fu comunque denunciato ai carabinieri dalla famiglia.

Gli episodi di furti e raggiri sono ormai all’ordine del giorno di fronte ai supermercati. C’è chi offre aiuto per caricare la spesa in auto e nel frattempo mette le mani su portafogli o borse, chi avvicina gli anziani e con la scusa di conoscere il figlio o il nipote tenta di spillare soldi. E chi - più semplicemente - si piazza davanti alla porta e chiede spiccioli e non si ferma davanti al primo «no».

E allora c’è chi ha deciso di correre ai ripari: «Con l’accentuarsi della crisi economica – fanno sapere da Unicoop – si sono moltiplicati gli episodi di microcriminalità. Il fenomeno non riguarda sicuramente soltanto i supermercati, ma qualsiasi luogo affollato. Per quanto ci riguarda riteniamo che sia giusto fare il massimo per garantire la sicurezza dei nostri soci anche all’esterno dei punti vendita, in particolare nei parcheggi».

E così – durante tutto l’orario di apertura – l’ingresso della Coop di via Susini è presidiato dagli agenti di un istituto di vigilanza, la cui presenza può avere una funzione di deterrente per tenere alla larga i malintenzionati (ma anche i mendicanti, che già nelle prime ore del nuovo servizio sono stati più volte allontanati) e che allo stesso tempo danno una sensazione di maggiore sicurezza ai clienti.

Vigilantes davanti alle Coop contro furti e mendicanti (27 ottobre 2014)