Contenuto riservato agli abbonati

Baia del Quercetano, iniziato il ripascimento che durerà venti giorni

L’area interessata dalle operazioni di ripascimento

L’operazione in una delle zone più belle di Castiglioncello voluta fortemente dai gestori degli stabilimenti balneari

CASTIGLIONCELLO. Sono iniziati ieri mattina i lavori di ripascimento alla baia del Quercetano.
Il pontone, ossia l’apposita imbarcazione per trasporto di mezzi in mare, alcuni giorni fa aveva già depositato sulla riva l’escavatore che verrà utilizzato per movimentare la sabbia lungo il tratto di costa.

Lo stesso pontone che ieri mattina ha nuovamente raggiunto la baia trasportando, stavolta, la pompa per aspirare la sabbia; sabbia che le correnti marine hanno accumulato sul fondale a pochi metri dalla riva attaccato al pontone un lungo tubo di gomma sostenuto da galleggianti, che getta la rena lungo la costa.

A portare avanti l’intervento, autorizzato dalla Regione Toscana, la ditta Sa. Si. T. srl di Lucca.

I lavori sono iniziati nel tratto più a nord della baia e «l’intervento – dice l’assessore alla qualità urbana Giovanni Bracci – durerà tra i 15 ed i 20 giorni». Molto dipenderà anche dalle condizioni meteo marine.

L’importante è non andare ad incidere con l’inizio della stagione balneare visto che è stata emanata un’apposita ordinanza al fine di disporre l’interdizione e l’accesso alle aree demaniali interessate dai lavori e più precisamente l’interdizione riguarda la balneazione e l’accesso di persone nelle pozioni di arenile, compreso lo specchio d’acqua antistante, interessati dalle operazioni di ripascimento.

Un’operazione, quella della riprofilatura della costa al Quercetano, piuttosto delicata dato che la baia, incastonata tra due speroni rocciosi, è una delle zone ambientalmente e paesaggisticamente più belle di Castiglioncello. Inoltre proprio alla baia del Quercetano si trovano due tratti di spiaggia libera, fatto più che raro a Castiglioncello.

Il primo interventi di ripascimento su quel tratto di costa fu eseguito nel 2009 dal Comune di Rosignano con il benestare della Provincia di Livorno.

Un’azione voluta fortemente dai gestori degli stabilimenti balneari dato che le correnti marine avevano eroso la sabbia accumulandola nello specchio di mare antistante la baia.
Ripascimento che fu eseguito nuovamente due anni dopo. L’ultimo nel 2018, il meno fortunato perché durante i lavori, iniziati in ritardo, una forte libecciata scaraventò il pontone ed il tubo che stava aspettando la sabbia, sugli scogli che delimitano la baia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA