Contenuto riservato agli abbonati

Rosignano, nasce “Città pubblica”: case e parco urbano

Un rendering con il parco urbano previsto nel progetto

Dopo 30 anni si concretizza il progetto denominato “H5” su venti ettari di terreno proprietà di Unicoop Tirreno

ROSIGNANO. Dopo trent’anni di discussione si concretizza il progetto urbanistico conosciuto dai cittadini come H5. Un progetto di iniziativa privata nell’area a verde tra Rosignano Solvay e Caletta e più precisamente tra via Lungamente a nord, via della Cava e via Lizzadri a sud per arrivare fino alla linea ferroviaria. Su questi 20 ettari di terreno di proprietà dell’Unicoop Tirreno sc nascerà la “Città pubblica” dove troveranno posto un supermercato, la cittadella dello sport, un polo scolastico, un parco urbano attrezzato ed edifici destinati a residenze private e sociali.

Contestualmente al piano attuativo che verrà discusso durante il consiglio comunale di martedì 18 gennaio verrà firmata, tra Comune e soggetto esecutore del progetto, una convenzione che avrà la durata di 10 anni. Nello specifico il piano attuativo si prevede la realizzazione di 45. 500 metri cubi di edilizia privata e 24. 500 di edilizia sociale; 15. 000 mc di aree da destinare al commercio di vicinato, un albergo per massimo 200 posti letto nonché il trasferimento e l’ampliamento dell’attuale supermercato Coop. Per quanto riguarda invece la parte ad uso pubblico nell’area dovrà nascere un nuovo polo scolastico, una palestra, una piscina, un nuovo campo di calcio, un parco urbano attrezzato con spazi ricreativi e destinati al benessere dei cittadini. Dunque un nuovo tessuto urbano complesso previsto dal Piano operativo approvato in Consiglio Comunale nel 2019. «Nella convenzione – spiega l’assessore all’urbanistica Vincenzo Brogi – saranno definiti gli obblighi che impegneranno l’amministrazione comunale e l’Unicoop e le garanzie che il privato dovrà dare al Comune. Il primo intervento infatti riguarderà la viabilità di tutta la zona, le opere a terra e l’urbanizzazione primaria. Seguirà la realizzazione del nuovo campo di calcio. Se la proprietà non eseguirà questi interventi il progetto non potrà andare avanti. E si tratta di investimenti per diversi milioni di euro». Inoltre «Già prima della firma della convenzione l’Unicoop cederà il terreno per la costruzione di un nuovo polo scolastico così che l’amministrazione abbia il tempo necessario per partecipare al bando previsto nel piano “nazionale di ripresa e resilenza. Visto che avremo già il terreno abbiamo buona probabilità che il nuovo polo venga finanziato».


Quindi la piscina, molto attesa dai cittadini, che avrà una parte esterna per essere utilizzata anche in estate. «Si iniziano a chiudere processi aperti da anni – commenta Brogi – basti pensare che la prima delibera relativa l’H5 è del 1987; così come per la ristrutturazione del Ciucheba a Castiglioncello e la prossima rigenerazione urbana della passeggiata a mare tra Rosignano Solvay e Caletta. Tutti progetti dei quali si parla da molto tempo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA