Contenuto riservato agli abbonati

2022: la rinascita del castello Pasquini. Gli ultimi ritocchi e apertura ai privati

Castiglioncello: a febbraio cominciano i lavori conclusivi, riaprono anche la Virgola e il parco. La gestione torna ad Armunia

CASTIGLIONCELLO. Il 2022 sarà l’anno della rinascita del Castello Pasquini. Dopo due anni di attività ridotte la struttura potrà tornare ad essere un polo culturale e turistico per Castiglioncello ed il territorio. Questa l’intenzione di Licia Montagnani assessora alla cultura e turismo del Comune di Rosignano. «I lavori di riqualificazione e messa a norma degli impianti interni della struttura e l’epidemia di Covid – dice Montagnani – hanno reso difficile una più vasta e cospicua programmazione di manifestazioni ed eventi. Ciò è valso per tutto il territorio. Ma il castello Pasquini, la Virgola ed il suo parco dovranno tornare ad essere al centro di un percorso culturale e turistico di rilievo».

Con una possibilità: «quella di affittare a privati alcune stanze della struttura per mostre ed eventi particolari». I lavori di restauro non sono ancora terminati. Finiti gli interventi di messa a norma degli impianti «a febbraio – spiega l’assessore alla qualità urbana Giovanni Bracci – inizieranno quelli per la copertura del tetto in modo così da andare ad eliminare le infiltrazioni d’acqua. Verranno anche ristrutturati ed adeguati i bagni. Infine il recupero estetico interno della struttura con riqualificazione degli affreschi. I lavori saranno sospesi in estate proprio per non creare intralcio alle attività turistiche e culturali in programma». L’ultimo intervento riguarderà la sistemazione del grande parco che circonda il castello. Nel frattempo l’amministrazione comunale sta preparando un progetto di recupero anche funzionale per la “Virgola”, l’ex casa del casiere che si affaccia sulla piazzetta di Castiglioncello oggi centro dell’arte Diego Martelli. La struttura «sarà destinata a diventare una galleria nonché centro polivalente per mostre ed installazioni oltre che punto di riferimento della pittura dei Macchiaioli». La gestione del castello Pasquini «è stata affidata ad Armunia che lavora in stretto contatto con l’ufficio cultura – continua Montagnani – incrociando le dita, perché non possiamo prevedere come evolverà l’epidemia di Covid, nel mese di maggio vorremmo organizzare, all’interno del parco del castello, una mostra mercato di fiori e piante. Quindi il festival Inequilibrio che si terrà sia a Castiglioncello che a Rosignano Marittimo e nelle frazioni collinari. A luglio è in progetto un percorso espositivo e di spettacolo dedicato Micha van Hoecke».


«Oltre a questo importante percorso dedicato a van Hoecke, con Armunia e la Regione Toscana stiamo lavorando per ospitare una grande mostra che dovrebbe terminare in autunno. Anche in questo caso molti dipenderà dall’evoluzione dell’epidemia. Infine ad agosto il festival della musica senza dimenticare – conclude Montagnani – che il castello Pasquini è sede di matrimoni; un’attività che si porta dietro la sostenibilità economica di molti progetti. Una volta completamente restaurato ed a norma la struttura potrebbe anche essere affittata a privati, come gallerie d’arte, per esposizioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA