Contenuto riservato agli abbonati

Sesta asta: il Comune prova a vendere l’immobile sede di una farmacia

I primi tentativi di cedere l’edificio a Marina di Cecina sono andati a vuoto, prezzo abbassato a 306mila euro

CECINA Resta da capire quando scadrà il termine per presentare le offerte. Il prezzo a base d’asta invece c’è già ed è stato ancora una volta ribassato, visto che più volte nel corso degli anni i tentativi di vendere l’immobile sono caduti nel vuoto. Ìl Comune di Cecina riprova – e siamo all’ennesima volta – a vendere l’immobile di sua proprietà che oggi è sede di una farmacia in via Cesare Battisti a Marina di Cecina. Come mai nessuno lo compra? Domanda legittima arrivati a questo punto. È la logica delle aste immobiliari. In genere anche chi è interessato a un immobile preferisce aspettare sperando di fare un affare. A volte chi ha la pazienza di aspettare riesce ad aggiudicarsi case e fondi a prezzi veramente bassi rispetto a quelli di mercato. Probabilmente anche la proprietà comunale a Marina di Cecina non si sottrae a queste valutazioni. In ogni caso è proprio di questi giorni la decisione dell’amministrazione comunale (che conta nei soldi della vendita) di procedere alla pubblicazione di un nuovo avviso di asta pubblica per arrivare alla cessione dell’immobile, sperando che questa sia la volta buona. Giusto il tempo di completare l’iter burocratico poi l’avviso pubblico sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Le precedenti aste sono andate deserte, come abbiamo detto. Eppure il negozio, all’angolo con via Galliano, un tempo sede della farmacia comunale, è regolarmente affittato alla farmacia “Marina” del dottor Massimo Vinchesi. Sul mercato stanno per arrivare di nuovo questi 135 metri quadrati, in cerca di un nuovo proprietario e ad un prezzo rivisto e corretto visto che il Comune è costretto ogni volta a ritoccare il prezzo di vendita.

L’ultimo avviso d’asta risale all’anno scorso, quando i locali sono stati messi in vendita al prezzo di 340mila euro.


Questa volta il prezzo – è già stato stabilito – scenderà ancora e sarà di circa 306mila euro.

«È questo il sesto esperimento d’asta – conferma l’assessore comunale Roberto Rocchi – le domande per partecipare all’asta ovviamente potranno essere presentate solo quando il bando sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sarà cura dell’amministrazione poi darne comunicazione anche sul sito dell’ente.

In questi giorni in Comune gli uffici che si occupano dei servizi finanziari hanno attivato l’iter per pubblicare l’avviso di asta». All’inizio di tutta questa vicenda l’agenzia delle entrate di Livorno aveva dato un valore di 398mila euro. Si pensava che non ci sarebbe stata alcuna difficoltà a dismettere l’edificio pubblico, proprio perché il fondo è affittato e questo garantisce all’acquirente una rendita mensile piuttosto sicura. Si sa che la farmacia ha un contratto d’affitto con il Comune di Cecina che scade nell’agosto del 2025. E al titolare della farmacia spetta la facoltà di esercitare il diritto di prelazione.

L’amministrazione comunale ha deciso di rinunciare a questa proprietà dopo l’ente locale stesso ha rinunciato alla gestione diretta delle farmacie comunali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA