Contenuto riservato agli abbonati

Polidori, un vero fenomeno con le moto di mezzo secolo fa

Stefano Polidori

L’esperto pilota del Moto Club Cecina sempre più ai vertici della categoria. È tra i big nel Gruppo 4 “Regolarità” del Campionato Italiano Vintage Maxi

CECINA. Numero 661 sul cupolino, l’inconfondibile carena arancione e uno dei motori, quello del Laverda 750 Sfc, tra i più apprezzati dagli amanti delle moto da 50 anni esatti. Ma soprattutto tanta passione per le due ruote e per quelle sensazioni che solo la pista riesce a regalare. È con questi ingredienti che Stefano Polidori, 60 anni, pilota del Moto Club Cecina, ha gettato le basi per ottenere il titolo di vice campione assoluto nel Gruppo 4 “Regolarità” del Campionato Italiano Vintage Maxi. Un risultato che va a fare coppia e addirittura a migliorare il terzo gradino del podio conquistato nella scorsa stagione. La competizione disputata da Polidori fa parte del Campionato Italiano Velocità Vintage in Pista, riservato alle moto d’epoca, che si articola in 3 gruppi. Le gare del Gruppo 4, quello del pilota cecinese, si basano su criteri di regolarità: l’obiettivo, in gare di 8 o 10 giri a seconda della lunghezza del circuito, è infatti proprio la costanza del tempo sul giro, ovvero la capacità di stoppare il cronometro, passaggio dopo passaggio, su un tempo quanto più simile a quello ottenuto nel primo giro cronometrato. Prove da “Hammertime”, prendendo in prestito il soprannome del mago della regolarità Lewis Hamilton, che Polidori ha ottenuto nelle 6 gare disputate tra il 22 maggio e il 10 ottobre, sui principali circuiti italiani. La stagione del pilota cecinese è iniziata con “la doppia” di Varano, guadagnando i primi 30 punti. A luglio, il Campionato Italiano Velocità Vintage in Pista si è spostato sul circuito di Vallelunga, in provincia di Roma, per una gara singola conclusa al 6° posto dal centauro del Moto Club Cecina. A fine agosto, ancora una prova doppia, sul circuito perugino di Magione, in cui Polidori si è piazzato al 9° posto nella prima gara e al 5° posto nella seconda prova. Il secondo gradino del podio nella classifica finale è stato conquistato da Polidori nell’ultima gara della stagione, disputata il 10 ottobre sul Misano World Circuit “Marco Simoncelli”, intitolato al compianto pilota italiano di MotoGp, e teatro dell’ultima gara italiana disputata in carriera da Valentino Rossi. A Misano, Polidori è tornato a calcare il terzo gradino del podio, guadagnando i 15 punti che gli hanno consentito di raggiungere quota 73 e di conquistare il secondo posto assoluto, alle spalle di Eugenio Gatti, appartenente al Moto Club Canzo, che in sella alla sua Ducati si è aggiudicato la vittoria con 98 punti. Polidori, che ha partecipato al campionato sotto le insegne del Moto Club Cecina presieduto da Enrico Amadori, ha disputato le gare in sella a due Laverda: una 750 SFC, simbolo della casa veneta presentata al Salone del Ciclo e Motociclo del 1971, e una 600 TT2 del 1982. Risultati che lo mettono in lizza per un premio nella Festa del Veterano dello Sport di Cecina del prossimo 28 novembre. Ma Amadori non ha intenzione di fermarsi qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA