Contenuto riservato agli abbonati

Capannone anti-assembramenti a Cecina: «Mille tamponi in una settimana»

Sono i numeri dei test, per la sede di Cecina, del centro Salus Toscana. Il sindaco Lippi: «Concesso un capannone per evitare assembramenti»

CECINA. La novità, rispetto alle prime ore, è tutta nella gestione. Nei numeri, invece, a otto giorni dall’introduzione dell’obbligo Green pass sul posto di lavoro, il trend rimane immutato. «È stata una settimana intensa, ma abbiamo finalmente trovato, a nostro parere, il metodo che ci permette di erogare circa mille test a settimana a Cecina e altrettanti a Rosignano e nelle sedi esterne. Siamo attorno a 3500 test, a settimana», spiegano dallo staff dirigenziale del centro medico Salus Toscana. E nella sede cecinese si erano concentrate le lunghe file alla vigilia dell’introduzione della certificazione verde per lavorare: immagini circolate e sulle quali, tra le reazioni arrivate, spiccava quella del sindaco Samuele Lippi che sabato scorso non solo aveva scritto sul tema direttamente al presidente del consiglio Mario Draghi e al ministro della salute Roberto Speranza, ma aveva incontrato anche i vertici del centro, nella sede principale cecinese che si apprestava con orari ricalibrati sulla sera ad accogliere un altro week-end a suon di test.

Ebbene, nei giorni scorsi, sindaco e centro hanno messo in campo alcuni accorgimenti, ma non solo. E così, da un lato ecco la collaborazione con la Misericordia, il supporto degli agenti della polizia municipale e la fornitura di transenne per far fronte alla gestione dell’affluenza, dall’altro il sindaco ha concesso il maxi-capannone della Targa Cecina, quello in via Torres, a pochi passi dal centro, per intenderci, per gestire le giornate con il flusso maggiore, come la domenica che garantisce, infatti, la “copertura” per le successive 48 ore lavorative.


IL MAXI-CAPANNONE

«La lettera al presidente del consiglio e al ministro della salute, alla quale non ho ancora ricevuto una risposta, ha ricevuto parecchi attacchi, ma era stata fatta semplicemente per la tutela della comunità. Un segnale. Era comunque necessario intervenire per evitare le scene che abbiamo visto la sera di giovedì scorso», premette il sindaco. E arriviamo al capannone che nelle giornate “clou” e più generalmente per l’operatività del centro, è a disposizione di Salus Toscana, complice la vicinanza geografica e gli spazi ampi. «Abbiamo deciso per scongiurare assembramenti e file di concedere il capannone della “Targa Cecina”», conferma e annuncia Lippi. Insomma, un contributo per la logistica, visti gli alti numeri. Da Salus, questa la stima del centro, riescono a effettuare dai cento ai trecento tamponi «a seduta». Più nel dettaglio, chi va senza prenotazione, come abbiamo raccontato, da domenica scorsa può ritirare un bigliettino sul posto che garantisce un orizzonte temporale nel quale poter tornare evitando così le file.

© RIPRODUZIONE RISERVATA