Rea, due milioni per i nuovi uffici. Ma la differenziata è in forte ritardo

Stabile acquistato da Scapigliato per potenziare l’attività. L’assessore: «Entro marzo porta a porta anche a Solvay»

Rosignano. Lo dice l’amministratore unico di Rea Marco Giunti nel momento della firma: la raccolta differenziata (in forte ritardo rispetto ad altre realtà) che coinvolgerà entro la fine del mese Castiglioncello per poi abbracciare l’intero Comune nei prossimi, comporta «importanti investimenti». Per questo si parla di assunzioni in vista, ma anche di nuovi mezzi (trenta in arrivo, assicura, per la raccolta tra Rosignano e Collesalvetti). C’è di più, però.

La vendita


Sì, perché è stato firmato nelle scorse ore infatti fra il presidente di Scapigliato srl Alessandro Giari e l’amministratore unico di Rea, il «contratto preliminare di compravendita che prevede l’acquisto da parte di Rea» dell’edificio situato in località Le Morelline due, a Rosignano Solvay, che, spiegano, per «circa un anno è stato una sede “succursale” di Scapigliato in cui era stato trasferito parte del settore amministrativo dell’azienda». Ebbene, adesso l’immobile verrà ceduto per due milioni di euro a Rea consentendo così a quest’ultima «di riorganizzare al meglio sia gli uffici che i servizi, consentendo peraltro di utilizzare definitivamente tutte le aree esterne annesse alla palazzina e adiacenti alla proprietà di Rea, già in parte utilizzate». E allora, prossimamente si procederà «al rogito e all’atto notarile definitivo di compravendita» che «dovrà essere stipulato entro il mese di marzo 2022». D’altronde, «in vista della partenza e del completamento dei servizi di raccolta porta a porta nei Comuni serviti da Rea, che vedranno coinvolte 120 mila utenze», «l’azienda aveva la necessità di disporre di nuovi spazi esterni e di maggiori uffici per la riorganizzazione e il potenziamento delle attività in forte espansione su tutto il territorio di competenza». E l’operazione, fatta in ottica ampliamento dei servizi, dunque, è l’occasione così anche per fare il punto della situazione sul porta a porta in arrivo a Castiglioncello, ma non solo.

A che punto siamo

Un punto che arriva dall’assessore con delega all’ambiente Vincenzo Brogi. E allora, se ormai il porta a porta ha tagliato il nastro negli scorsi anni nelle frazioni collinari, sulle tre costiere il crono-programma è il seguente. Si parte con Castiglioncello dal 25 ottobre con la distribuzione dei kit (sacchi e contenitori) entrata nel vivo alla stazione di Castiglioncello (fino al 23 ottobre, nei feriali dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19 il martedì e il giovedì). Un mese più tardi, il 27 novembre, è previsto l’arrivo del porta a porta per Vada. C’è da accelerare visti i dati negativi sulla raccolta differenziata. E La fascia più corposa però è quella ovviamente di Solvay. «Le date per le altre due zone sono fissate, su Rosignano che rappresenta il grosso delle utenze, si partirà entro marzo, con la consegna nelle prime settimane del 2022 – rassicura l’assessore –. Ritardi su Solvay? I tempi sono vincolati e ci permetteranno di avvicinarci al meglio al periodo a ridosso dell’estate: lì sarà il vero test sul porta a porta». E allora, spiega l’assessore, mentre sul tavolo con Rea rimane il centro di raccolta a Nibbiaia, «le frazioni del litorali, turistiche, avranno oasi ecologiche pensate per i turisti, ma per i soggiorni brevi, con accesso personalizzato, con una scheda, per esempio». Sul tavolo con Rea, però, anche altro: «Valuteremo la possibilità di installare postazioni simili, più piccole, per utenze non domestiche per necessità. Penso ai locali, in estate, sulla falsariga di quanto avviene anche in altre località turistiche». Più generalmente, l’obiettivo di quest’anno è ambizioso: «Partiamo da una percentuale pessima di raccolta differenziata (circa il 49 per cento) – ammette – entro l’estate, con il porta a porta, puntiamo a sfiorare quota 70-75 per cento. Il regolamento comunale disciplina già il capitolo sanzioni, anche se nella prima fase, ovviamente, saremo per un rapporto collaborativo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA