Contenuto riservato agli abbonati

L’ultima stagione al “Bambolo”: «Sono scelte dettate dal Covid»

Alessandro e Massimo Mannucci

I saluti dei fratelli Mannucci, gestori del ristorante a Donoratico per dieci anni. «Analisi imprenditoriale, ci concentriamo sui due locali a Cecina. Grazie a tutti»

CECINA. Dopo dieci anni consecutivi i fratelli Mannucci salutano Donoratico e la gestione del noto ristorante il “Bambolo”.

Una scelta, spiegano, dettata da una quotidianità lavorativa ricalibrata dagli effetti della pandemia in questo ultimo anno e mezzo (poco più). E così ecco la scelta imprenditoriale maturata una volta archiviata la stagione estiva 2021: salutare dopo dieci Donoratico e concentrarsi nelle attività cecinesi, nella loro città: l’attività storica – “Mistergrill steak”, in centro e aperta dal 2004 dalla famiglia Mannucci – e la nuova arrivata (nei mesi scorsi) “Settebello”, sul litorale, a Marina di Cecina.


Il cognome Mannucci d’altronde sul territorio fa rima con ristorazione, con i fratelli Alessandro e Massimo Mannucci che dieci anni fa, oltre appunto al locale del centro di Cecina, avevano preso la gestione dello storico ristorante “Bambolo”: ampi spazi e il fascino della location ideale per le cerimonie. La stagione appena passata, quella del 2021, è stata però l’ultima e la decima di fila. «Sì, nell’estate appena trascorsa abbiamo gestito, con oltre trenta dipendenti all’incirca, tre locali: il “Mistergrill” in centro a Cecina, il “Bambolo” a Donoratico, appunto, e abbiamo investito a Marina di Cecina con il “Settebello”», ripercorre Massimo, 41 anni ancora da compiere e da tempo nel settore. E continua: «Ci troviamo adesso a dover fare delle scelte e dei cambiamenti anche a causa del Covid-19». E spiega: «Si tratta semplicemente di una scelta imprenditoriale, niente di più. D’altronde è cambiato il mondo e a Donoratico lo storico ristorante che avevamo in gestione e che conta di quasi 300 posti tra interno ed esterno si prestava molto bene per cerimonie ed eventi che come ben sappiamo hanno risentito parecchio dell’arrivo della pandemia». Tante le incognite per il settore come raccontato in questi mesi alle prese tra nuove norme, protocolli, distanziamenti e colori delle Regioni. «Eppure non abbiamo mai mollato, continuando a investire, come faremo anche a Cecina con il nuovo locale che abbiamo aperto l’estate appena passata, però adesso è il momento di fare delle scelte», fa sapere sempre Massimo che con il fratello e le rispettive famiglie gestiscono i vari locali. «Ci sono tantissimi ricordi che ci legano al “Bambolo”, tanti personaggi, aneddoti, grandi feste e ora con questo saluto ci piacerebbe abbracciare idealmente tutti i clienti che sono passati e tutta la comunità con la quale abbiamo trascorso dieci anni bellissimi».

L.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA