Contenuto riservato agli abbonati

Ancora furti a Marina di Cecina: bar, hotel e locali nel mirino dei ladri

I carabinieri stanno visionando le immagini delle telecamere. Il lavoro dei militari proseguirà su tutto il territorio, a sorpresa

CECINA. A meno di una settimana da un tentato furto e da tre messi a segno, invece, sul litorale di Cecina, in altrettante attività tra ristoranti e strutture ricettive, è stata un’altra notte fatta di “visite” per alcuni gestori di locali di Marina.

Questa volta è successo nella notte tra lunedì e martedì, proprio a una manciata di giorni dai furti precedenti, sempre nella zona che avevano allarmato i titolari delle attività. E così, a seguito dei numerosi furti avvenuti all’inizio del mese di settembre (e visti gli ultimi, in ordine cronologico), il comandante della compagnia carabinieri di Cecina, Christian Bottacci, di concerto con il comando provinciale carabinieri di Livorno, nella serata tra martedì e ieri ha organizzato un servizio coordinato a largo raggio impiegando allo stesso tempo diverse pattuglie in strada. Controlli intensificati, dunque, a tappeto con il bilancio che, tradotto in cifre, è stato di 61 persone e 38 auto fermate e controllate dalle varie pattuglie dei carabinieri. E il via-vai di militari messo in campo dai carabinieri continuerà, a sorpresa, anche nei prossimi giorni sul territorio. Ovviamente, spiegano dall’arma, la causa scatenante dell’iniziativa è stata quella serie di furti avvenuta sia più generalmente dall’inizio del mese sia nella notte tra lunedì e martedì a Marina di Cecina (a pochi giorni dal raid precente), dove sarebbero stati più gravi i danneggiamenti che la refurtiva prelevata dai malviventi. E così, grazie ad alcune telecamere di sorveglianza, sia dei privati, sia quella installate dal Comune (a seguito di un protocollo di sicurezza d’intesa con la prefettura), i militari tramite il riconoscimento delle targhe si sono messi subito al lavoro e stanno provvedendo a risalire ai presunti autori dei furti.


C’è di più. Sì, perché sono stati registrati altri episodi di furti in abitazione, questa volta, sempre nei giorni scorsi e avvenuti a Vada, Castiglioncello e Solvay, ma anche a Castagneto Carducci e Donoratico. Insomma, un periodo impegnativo, su questo fronte con l’estate archiviata da poco.

E per rimanere a Marina di Cecina, come abbiamo raccontato, nei giorni scorsi erano stati tre i furti riusciti in vari locali. Qualche danno, centinaia di euro portati e tanta paura. Tra chi aveva ricevuto all’inizio della scorsa settimana la visita dei ladri c’era stato, lo ricordiamo, Olinto Demi, titolare dell’omonimo ristorante di Marina di viale della Vittoria. Per fortuna, al netto dei danni, nel suo locale non era stato portato via nulla. E da Demi era arrivata una riflessione sul rapporto tra il periodo di bassa stagione nel litorale cecinese e l’aumento di casi come questi. «Ho paura si possano ripetere, così come successo nell’autunno dell’anno scorso quando a ottobre, per la precisione, si registrarono altre vicende simili. Un trend che mi spaventa con l’arrivo della bassa stagione e, quindi, con meno persone in giro. Calano le persone, si abbassano i riflettori e non deve succedere. Non so quale possa essere la soluzione per arginare la cosa, credo controlli e telecamere per provare a prevenire in bassa stagione il ripetersi di certi eventi», aveva detto al Tirreno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA