Contenuto riservato agli abbonati

Camionista di 59 anni trovato morto in casa: aperta una indagine

Foto d'archivio

Cecina, il corpo dell'uomo trovato da un conoscente. Intervenuti i carabinieri, la procura ha disposto l’autopsia

CECINA. Deve aver accusato un malore improvviso, che non gli ha dato il tempo di chiamare i soccorsi. Quando un conoscente è arrivato a casa sua e ha suonato svariate volte il campanello senza ricevere risposte si è insospettito.

Così è entrato nell’abitazione e ha trovato il corpo senza vita di Fabio Rovini, camionista 59enne che abitava al primo piano di una villetta su via Pisana-Livornese. Il conoscente ha immediatamente contattato la centrale del 118, che ha inviato sul posto una ambulanza della Pubblica assistenza in codice rosso.

Ma quando il personale sanitario è arrivato su via Pisana-Livornese per Rovini non c’era niente da fare.

È successo nel pomeriggio di lunedì scorso sulla via Pisana Livornese, alla periferia nord di Cecina. Fabio Rovini abitava da solo.

Da tempo il camionista soffriva di alcune patologie che in qualche caso gli davano svariati sintomi.

Proprio lunedì, poco dopo le 15, il conoscente di Rovini è passato dall’abitazione nella zona nord di Palazzi. Sembra che passasse con regolare cadenza a casa del camionista; risulta infatti che lo aiutasse con alcune medicazioni che il 59enne non poteva effettuare da solo.

Quando il conoscente è entrato nella casa di Rovini ha chiamato i soccorsi. Il personale dell’ambulanza è arrivato su via Pisana-Livornese ha trovato il corpo senza vita del 59enne. Da qui la decisione di far intervenire le forze dell’ordine. Così il personale dell’ambulanza ha chiamato il 112, spiegando la situazione. E dal comando della compagnia carabinieri di Cecina, guidata dal comandante Christian Bottacci, sono arrivati i militari. Una volta arrivati sulla Pisana-livornese i carabinieri hanno contattato anche il medico legale che ha effettuato un primo esame esterno sul corpo di Rovini. Da questa prima verifica non risulta che la causa del decesso dell’uomo sia da collegare a cause esterne. È quindi probabile che il 59enne abbia accusato un malore nelle ore precedenti all’arrivo del conoscente che doveva aiutarlo con alcune medicazioni. Fatto sta che dell’accaduto è stata informata la procura, che ha avviato una indagine e ha disposto l’autopsia sul corpo dell’uomo. Nei prossimi giorni sarà effettuato l’esame autoptico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA