I campi con la lavanda sono ritornati a fiorire

Tempo fa l’azienda Mogliani ha seminato un ettaro di terra e anche quest’anno ecco i fiori: «Piacevole che le persone godano di questa bellezza»  

CECINA. A Santa Luce non passa di certo inosservata, ma si può dire che la lavanda sia ormai diventata una istituzione. Mentre vedere anche quest’anno i campi viola a San Pietro in Palazzi, in zona La Cinquantina, coglie di sorpresa. “Non schiacciare con i piedi le piante”, “Non disturbare le api vicino alle loro arnie”, “Non cogliere i fiori”. Queste e altre sono le frasi che appaiono sul cartello informativo presente lungo il perimetro del campo. La coltivazione è dell’azienda agricola Mogliani di San Pietro in Palazzi, che tempo fa ha deciso di sperimentare una novità.

«Questo è il terzo anno di fioritura - fanno sapere dall’azienda agricola - Abbiamo scelto la lavanda per cambiare coltura. Ci siamo detti: “Facciamo un’altra cosa, diversa dal solito”. E così è stato». E quei campi sono diventati sempre più apprezzati. Perché in tanti si fermano a fare foto e ad ammirare un colpo d’occhio così colorato. «Ci hanno fatto tanti complimenti e siamo contenti - dicono dall’azienda agricola Mogliani - E per noi è piacevole che le persone possano godere di questa bellezza».


Del resto, a non molta distanza, i campi di lavanda di Santa Luce sono diventati una vera e propria attrazione. Lì, alla Pieve, a pochi chilometri dal monastero buddista di Pomaia, si snodano poco meno di venti ettari dell’azienda Flora, che nel 2019 ha festeggiato i 30 di attività. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA