Incentivi economici dedicati alle famiglie per le spese scolastiche

L’obiettivo del bando è sostenere chi si trova in difficoltà con un contributo che può variare da 180 a 300 euro 

San Vincenzo. È online sul sito del Comune di San Vincenzo il bando per il Pacchetto scuola relativo all’anno scolastico 2021/22. Si tratta di un incentivo economico individuale previsto gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado per le spese inerenti libri, servizi scolastici e altro materiale didattico. Un contributo che può variare da 180 euro a 300 euro ed è unico per ogni ordine di scuola e classe di corso.

L’obiettivo del bando è sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica, di studenti appartenenti a nuclei familiari in condizioni socio-economiche più difficili, al fine di promuovere l’accesso e il completamento degli studi fino al termine delle scuole secondarie di secondo grado e dei percorsi IeFp garantendo nel contempo la massima omogeneità ed equità sul territorio toscano.


La domanda d’ammissione al contributo, insieme alla copia di un documento d’identità del richiedente, per quanto riguarda i residenti nel comune di San Vincenzo dovrà essere presentata entro il 24 maggio. Può essere consegnata a mano all’ufficio Protocollo del Comune (conservare il numero di protocollo assegnato per la consultazione online delle graduatorie) oppure inviata tramite pec o mail ordinaria all’ indirizzo di posta elettronica comunesanvincenzo@postacert.toscana.it (questa casella di posta riceve sia posta certificata che mail ordinaria).

I requisiti di cui è necessario essere in possesso, oltre alla residenza nel comune di San Vincenzo e a un’età non superiore ai 20 anni, sono: iscrizione per l’anno scolastico 2021/22 a una scuola secondaria di primo o secondo grado, statale, paritaria privata o degli enti locali e iscritti a un percorso di istruzione e formazione professionale IeFp presso una scuola secondaria di secondo grado o una agenzia formativa accreditata; Isee del nucleo familiare di appartenenza dello studente o Isee minorenne nei casi previsti non superiore a 15.748,88 euro. I requisiti relativi all’età non si applicano agli studenti diversamente abili, con handicap riconosciuto ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 5 febbraio 1992 n. 104 o con invalidità non inferiore al 66%. Il beneficio è richiesto da uno dei genitori o da chi rappresenta il minore o dallo stesso studente se maggiorenne. —