«Siamo qui per fare surf»: multati tre giovani che da Livorno erano arrivati a Rosignano

A ognuno di loro i carabinieri hanno contestato una sanzione da 533 euro perché quando sono stati fermati erano a bordo di un’auto 

ROSIGNANO. Da Livorno al lungomare di Rosignano per fare surf. Ma in zona rossa non è consentito muoversi se non per motivi di stretta necessità. Ed è per questo che, sabato scorso, tre giovani livornesi sono stati multati dai carabinieri della stazione di Rosignano Solvay. Altre due verbali per violazione delle norme anti Covid risalgono a un paio di giorni prima e anche in questo caso riguardano spostamenti senza giustificato motivo.

Per quanto riguarda i giovani surfisti, i carabinieri li hanno fermati sabato 10 aprile, intorno alle 14, sul lungomare Monte alla Rena di Rosignano Solvay, a poca distanza dalle Spiagge Bianche. Due di loro hanno 18 anni, il terzo 17 e sono tutti e tre residenti a Livorno. Quando i carabinieri li hanno fermati si trovavano in auto e hanno dichiarato di essere a Rosignano per fare surf. Ma essendo la Toscana in zona rossa una spiegazione del genere per motivare gli spostamenti non è ammessa.


Dunque i tre giovani dovranno pagare una multa di 533 euro. Nel caso del minorenne il verbale sarà intestato a uno dei due genitori. La multa scende a 373 euro se pagata entro cinque giorni dalla notifica del verbale ed è maggiorata perché i giovani hanno usato un’auto per uscire dal loro comune di residenza. Un paio di giorni prima, ed esattamente mercoledì scorso, i carabinieri della stazione di Rosignano Marittimo, che come la stazione di Solvay rientrano nella Compagnia di Cecina, hanno fermato in piazza del Mercato due persone che si trovavano a bordo di un’auto: una donna di 21 anni e un uomo di 57 anni.

Erano circa le 20.30 e i due, che non sono residenti nel comune di Rosignano Marittimo, avrebbero giustificato lo spostamento dicendo che stavano andando a cena da amici. Anche per loro è dunque scattata la sanzione per violazione delle norme anti Covid e anche in questo caso la multa è maggiorata in quanto o i due si trovavano a bordo di un’auto. Proseguono, dunque, su tutto il territorio di competenza della Compagnia dei carabinieri di Cecina, quindi da Rosignano a Castagneto Carducci, i controlli per verificare il rispetto delle norme. Ricordiamo che, oltre ai militari, dei controlli si occupano anche gli agenti dei commissariati di polizia, i vigili urbani dei vari Comuni e il personale della tenenza della guardia di finanza di Cecina. E spesso, soprattutto quando si è a ridosso dei giorni festivi, sono organizzati controlli interforze coordinati dalla questura di Livorno. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA