La "scuola volano" di Rosignano sorgerà dietro al circolo Le Pescine e accoglierà le classi a turno

L'area dietro il circolo Arci Le Pescine dove sorgerà la "scuola volano" (foto Michele Falorni/Silvi)

Si è costituita una commissione interna per analizzare gli interventi nelle varie strutture educative. Ecco perché è stata scelta questa zona

ROSIGNANO. La struttura prefabbricata che ospiterà, a rotazione, gli studenti delle scuole del territorio interessate da lavori di manutenzione, nascerà alle Pescine. Più precisamente nell'area adiacente al Circolo Ar che in queste settimane ospita il centro vaccinale. Ad annunciarlo il sindaco Daniele Donati: «Si tratta dello spazio dove, attualmente, c'è un'area sportiva libera. La scelta è ricaduta in quella zona perché già servita dagli allacci di acqua e rete fognaria. Inoltre vi è un parcheggio, ci sono impianti sportivi che potranno essere utilizzati dagli studenti ed è un'area abbastanza centrale». La scuola "volano" non sarà composta da un fabbricato unico ma da diversi moduli provvisti di tutti gli impianti come condizionatore e riscaldamento. Moduli che il Comune ha deciso di prendere a noleggio, secondo uno studio tra costi e benefici, per circa un anno e mezzo. «La scuola - dice Donati - potrà essere utilizzata in maniera modulare a seconda delle esigenze».

Esigenze dettate dai lavori antisismici e di efficientamento energetico ai quali saranno sottoposti tutti gli edifici scolastici del territorio: dalle scuole dell'infanzia fino alle medie. Intanto è stato costituito un gruppo di lavoro che si occuperà «dell'aspetto progettuale e dei lavori previsti in ogni scuola - spiega l'assessore ai lavori pubblici Giovanni Bracci - dei rapporti che andranno tenuti con i presidi e gli insegnanti e, infine, della componente informatica». Della commissione faranno parte, oltre all'assessore Bracci, anche gli assessori Ilaria Ribechini, che si occuperà della parte scolastica e Beniamino Franceschini, per quella informatica. «Sarà formato - continua Bracci - un gruppo di lavoro che farà riferimento ai tre assessori». Gruppo di lavoro composto da Alessandra Ciaccio, responsabile edilizia pubblica e riqualificazione urbana; Barbara Erminia Sarti, istruttore direttivo tecnico di edilizia pubblica e riqualificazione urbana; Luano Casalini, responsabile dei servizi sociali e dei servizi educativi; Sara Ferrari, collaboratore amministrativo dei servizi educativi e Marco Righi, istruttore amministrativo dei servizi educativi; Alessandro Pelagatti responsabile dei servizi informativi ed innovazione tecnologica; Federica Bandini, responsabile gare, cuc e Provveditorato.

«La commissione rimarrà attiva - continua Bracci - fino al compimento di tutti gli interventi previsti nelle varie scuole. Interventi il cui costo complessivo è stato stimato attorno ai 7 milioni di euro, che coinvolge molti tecnici esterni ai quali sono stati dati incarichi progettuali per gli adeguamenti sismici ed energetici. Visto l'onere dei lavori e dei finanziamenti che non saranno a disposizione tutti nell'immediato, credo le la commissione potrà rimanere in piedi per almeno un anno e mezzo».