La cartolina spedita da Santo Domingo arriva a Vada dopo oltre 16 anni

La sorpresa dei destinatari: «Sul momento pensavamo a uno scherzo». La mittente è una nipote: «Quel viaggio nell’ottobre 2004»

VADA. La cartolina è stata spedita nell’ottobre del 2004 da Punta Cana, la zona più orientale della Repubblica Dominicana, ed è stata recapitata a Vada ieri mattina. Sedici anni e quattro mesi dopo. E in tempi di Covid, vale a dire in un periodo storico in cui ricevere missive da luoghi esotici e molto lontani è praticamente impossibile, vista la quasi totale impossibilità di viaggiare per motivi di piacere.

È evidente che quando i destinatari, Luciano Larghi e la moglie Elisabetta Tartoni, hanno aperto la cassetta della posta e hanno trovato la cartolina sono rimasti perplessi. «Abbiamo visto che era firmata da Simona – raccontano i due, che abitano a Vada – e ci siamo chiesti chi, tra amici e parenti, fosse partito in piena pandemia». Sul momento la coppia ha pensato anche che potesse trattarsi di uno scherzo.


«Ho telefonato alla famiglia che abita nell’appartamento sopra al nostro – dice Tartoni –, dato che lei si chiama Simona. Ma loro non ne sapevano nulla». Poi un lampo. «Tra i nostri parenti – dice la donna – c’è Simona, è la figlia della cugina di mio marito. Non sapevo che nelle ultime settimane fosse andata in vacanza e così l’ho chiamata al telefono per capire».

A quel punto è stato evidente che la cartolina, su cui il timbro di invio è parzialmente cancellato tanto da rendere impossibile leggerne la data, risale a oltre sedici anni fa. Un’eternità, considerando oltretutto che dal Duemila ad oggi anche le telecomunicazioni hanno fatto passi tecnologici inimmaginabili. Da anni, infatti, i messaggi whatsapp hanno sostituito le vecchie cartoline: istantanee e vivide le immagini.

«Nostra nipote – dicono i due – ha voluto vedere la foto della cartolina e l’ha riconosciuta». Effettivamente Simona Mira, di San Pietro in Palazzi, conferma di essere stata a Santo Domingo nell’ottobre 2004. «Appena l’ho vista – racconta – ho riconosciuto la mia scrittura. E poi ricordo bene che eravamo, con una amica a cui ho subito raccontato questa disavventura della cartolina, a Punta Cana in una villaggio. E che avevo spedito dalla struttura alberghiera la cartolina».

Fatto sta che quel cartoncino di saluti da luoghi paradisiaci, che per essere stato scritto e spedito nell’ottobre del 2004 si è mantenuto piuttosto integro, è arrivato a Vada ieri mattina. «È una cosa incredibile – concordano mittente e destinatari –, sembra qualcosa giunto da un’altra vita. Sedici anni sono davvero tanti, ci chiediamo che giro abbia fatto questa cartolina o se invece sia rimasta ferma in qualche ufficio oltreoceano». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA