Deserta l’asta per l’ex cinema di Castiglioncello: nessuno vuole il cantiere infinito

Il cantiere per ristrutturare l’ex cinema è fermo da due anni

Nuovo tentativo a febbraio, il prezzo sceso a 900mila euro. Preoccupati negozianti e cittadini: «Scheletro pericolante»

CASTIGLIONCELLO. Deserta la prima asta per assegnare la struttura sorta lungo la via Aurelia al posto dello storico cinema Portovecchio.

Un edificio portato al grezzo ma mai terminato, dopo che un paio di anni fa è fallita la ditta Imax che dopo aver acquistato la sala cinematografica divenuta il simbolo della dolce vita castiglioncellese degli anni Sessanta e Settanta, aveva avviato la realizzazione di appartamenti, negozi e anche di un piccolo cinema nel seminterrato.


Da quando l’intervento di ristrutturazione è stato bloccato residenti e negozianti della zona chiedono che il cantiere venga ultimato, dato che lo scheletro di mattoni e cemento rappresenta prima di tutto un problema di sicurezza per chi circola in zona, ma anche una ferita all’immagine turistica di Portovecchio.

Scheletro di cemento

Nei mesi scorsi cittadini e commercianti hanno sperato che già dalla prima asta, chiaramente legata al procedimento fallimentare della Imax, l’edificio potesse essere acquisito e quindi terminato. Ma così non è stato: nessuno si è presentato, probabilmente perché la cifra a base d’asta –1 milione e 100mila euro – è stata considerata elevata. Ecco che il cantiere infinito lungo la via Aurelia resta una spina nel fianco per la zona.

In molti temono che ponteggi e impalcature che ancora avvolgono la struttura possano cedere, danneggiando le auto in sosta nelle vicinanze o peggio ferendo i passanti. Su questo aspetto torna ad intervenire Riccardo Frangerini, dell’omonima impresa che si era occupata della costruzione dell’immobile, che spiega come «noi continuiamo a tenere sotto controllo il cantiere, facendo monitoraggi per garantire la sicurezza».

Lavori fermi da 2 anni

Il cantiere per recuperare l’edificio dell’ex cinema è partito nel settembre del 2016 e l’obiettivo della proprietà, la Imax immobiliare, era quello di inaugurare la nuova sala cinematografica di Portovecchio il Natale dell’anno dopo. Così non è stato, anzi i cantieri sono andati avanti a rilento, con una serie di blocchi. Fino a quello definitivo, a inizio 2019. La struttura è praticamente terminata – cinema e negozi al piano terreno ma anche appartamenti a quelli superiori – ma sono al grezzo. E i ponteggi sono ancora tutti montati. Da allora è fallita la Imax e i beni della società sono seguiti da u curatore fallimentare.

Verso la seconda asta

Il nuovo tentativo di affidare la struttura è già in programma. La seconda asta si terrà, come si legge anche sul sito delle aste giudiziarie della provincia di Livorno, nella sede del curatore fallimentare, a Pisa, alle 11 del 26 febbraio (offerte entro il giorno precedente). Il prezzo dell’edificio è chiaramente calato, scendendo a 900mila euro, con offerta minima di 675mila euro.

La speranza della comunità di Castiglioncello e dei tanti turisti che nel paese hanno una seconda casa è che il cantiere possa essere portato a termine una volta per tutte, così da rilanciare la zona come fulcro del commercio locale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA