Contenuto riservato agli abbonati

«Nuova casa di riposo pronta a ottobre». Cento i posti di lavoro: come candidarsi

Nel cantiere di lavoro si vede lo scheletro della futura casa di riposo in località Paratino a Cecina (Foto Michele Falorni/Silvi)

Cecina, selezioni in arrivo: si cercano addetti alle pulizie e alle cucine, infermieri, medici, fisioterapisti, educatori e amministrativi

CECINA. Raggiunta l'area di cantiere, al Paratino, svetta lo scheletro di quella che sarà una nuova residenza sanitaria assistenziale, la cui costruzione terminerà entro la fine del prossimo ottobre - questo è almeno il cronoprogramma - così come era già stato anticipato dal Tirreno. I lavori intanto procedono. Con operai e gru che come detto, secondo i piani, completeranno il maxi immobile entro l’inizio di autunno 2021, anche se la struttura è stata ridimensionata rispetto ai progetti iniziali. Non ospiterà più 240 posti letto, come era stato pianificato, ma 160, suddivisi non più in tre edifici da 80 posti, ma in due strutture di altrettanta capienza. Come si vede dagli elaborati, quello che era il terzo blocco sarà sostituito da un giardino terapeuticoattrezzato per l’esercizio fisico per gli ospiti delle due strutture.

Inoltre, adesso, c'è una stima del fabbisogno del personale. Per far funzionare una macchina come questa «serve un centinaio di persone – spiega Sergio Bariani, amministratore del gruppo milanese Gheron, che si occuperà di gestire la casa di riposo – Vorremmo valorizzare al massimo il territorio e puntiamo ad assumere preferibilmente persone della zona, perciò siamo intenzionati a organizzare i colloqui in loco». Ma prima di fare i colloqui bisogna raccogliere i curricula. «Ci si potrà candidare, a partire da giugno, nella sezione “Lavora con noi” del sito di Gheron». Al momento tra le strutture per cui è possibile presentare domanda non c'è quella di Cecina perché, appunto, non sono ancora aperte ufficialmente le selezioni: lo saranno tra qualche mese, quindi tenetevi pronti.


Ma facciamo un passo indietro e riepiloghiamo l’operazione immobiliare e sanitaria. Lo scorso anno il Comune di Cecina ha rilasciato il permesso a costruire su un'area di circa 4mila metri quadrati che faceva parte dell'ex lottizzazione Massalombarda. Siamo in zona Paratino, a Cecina sud. Incaricati di costruire gli edifici che ospiteranno una Rsa sono la società Numeria di Treviso e il Gruppo Carron. Il progetto, la cui realizzazione prevede un investimento complessivo di circa 16 milioni di euro, è dello studio tecnico Bani-Franceschini-Rossi di Saline di Volterra e dello studio Valori di Cecina. Mentre a gestire la nuova struttura sarà il Gruppo milanese Gheron. Il progetto originario prevedeva la creazione di tre moduli che avrebbero dovuto ospitare 240 posti letto. Con edifici rettangolari dai due ai tre piani, con il pian terreno funzionale ad ospitare servizi come mensa, palestra e reception. L'immobile dovrebbe assumere sia vesti residenziali, con persone ospitate giorno e notte, sia indossare abiti da centro diurno, con un servizio che sarà indirizzato principalmente ad anziani soli e a persone con disturbi cognitivi. Le dimensioni previste dal progetto originario, però, hanno fatto storcere il naso a molti. In primis al sindaco di Rosignano e attuale presidente della Società della Salute Valli Etrusche Daniele Donati, che ha ritenuto 240 posti letto eccessivi rispetto al fabbisogno del territorio. Ne è nata una discussione cha ha coinvolto anche il Comune di Cecina e che ha portato i costruttori a ridurre le previsioni: i posti letto saranno 160, anziché 240. «Eravamo partiti con un'idea diversa – dice Gian Luigi Rocco, amministratore delegato di Numeria – Ma di comune accordo con la Società della Salute abbiamo cambiato i programmi. Partiamo con 160 posti letto e valuteremo in seguito, una volta a pieno regime, se ci sarà bisogno di un ampliamento». Per far funzionare la Rsa del Paratino il gestore avrà bisogno di un centinaio di persone, tra addetti alle pulizie, alle cucine, operatori socio sanitari e socio assistenziali, infermieri, medici, fisioterapisti, educatori e amministrativi.

La volontà è quella di dare la precedenza ai candidati del posto: Cecina e dintorni, in particolare il territorio di competenza della Società della Salute Valli Etrusche. Per candidarsi bisognerà collegarsi alla sezione “Lavora con noi” del sito www.gruppogheron.it, inserire i propri dati, allegare il curriculum e scegliere come sede scelta la struttura di Cecina. Tra qualche mese sarà attivata la funzione.