Il cecinese Mattia vince l’Oscar della matematica e da grande sogna di studiare le stelle

Mattia Ciompi ha 11 anni ed è arrivato primo ai giochi organizzati dalla Bocconi. Ha sostenuto la  prova da iscritto alla scuola elementare Collodi

CECINA. Da grande vuole fare lo scienziato. E non uno scienziato qualunque. Gli piacciono le stelle ed è già molto curioso di scoprire come vanno le cose al di sopra delle nuvole. In attesa di viaggiare tra le formule dello Spazio e dell’universo, per adesso Mattia Ciompi, 11 anni, rimane sulla Terra e vince i giochi matematici 2020 (categoria junior) patrocinati dall’università Bocconi di Milano. Mattia ha risposto correttamente a tutti i quesiti logici di cui si componeva il questionario finale e ha portato a casa la vittoria, piazzandosi al primo posto (a pari merito con pochi altri bambini) su 200 partecipanti. Il tutto con grande soddisfazione sua, dei suoi genitori e dei suoi insegnanti, quelli del presente e quelli del passato. Perché adesso Mattia, che vive a Marina di Cecina, frequenta la prima media della scuola Galileo Galilei, ma quando ha iniziato la gara di matematica era iscritto alla scuola primaria Collodi, che rientra nel circolo didattico diretto dalla professoressa Maria Teresa Sartiani.

Ed è proprio sui banchi della quinta elementare, spiegano dall’istituto, che Mattia ha vinto la sua prima gara di matematica: quella interna alla sua scuola. Perché prima di partecipare alla finalissima alla Bocconi, bisognava superare la fase delle “qualificazioni”. «La prima prova l’ha svolta il 4 marzo - dicono dalle Collodi - appena prima del lockdown. E a maggio avrebbe dovuto disputare la finale». Poi però c’è stato il lockdown. Niente di fatto e tutto rimandato a data (e piattaforma) da destinarsi. Perciò, invece di partire alla volta della Bocconi, Mattia ha atteso. E poi, all’inizio di novembre, ha disputato la sua gara matematica online. Con la partecipazione di circa 200 baby matematici, la prova si basava prevalentemente su domande d’intuizione e quesiti di logica.


«I giochi matematici 2020, patrocinati dalla Bocconi, prevedono prove differenziate a seconda delle fasce d’età - spiega la dirigente del circolo Collodi, professoressa Maria Teresa Sartiani - Mattia Ciompi ha partecipato alla gara per la scuola primaria, arrivando primo a livello nazionale. Siamo molto contenti perché la scuola deve riuscire a valorizzare le eccellenze ed è ciò che abbiamo cercato di fare in questa occasione». E alla soddisfazione degli insegnanti si aggiunge la gioia di mamma Serena e babbo Nicola. «Quando ha saputo di aver risposto correttamente a tutte le domande e di aver vinto è stato molto contento - dicono i genitori - E noi siamo molto orgogliosi di lui». «A Mattia piacciono parecchio i giochi di logica - sottolinea babbo Nicola - Non so perché, ma lo appassionano. Di certo non è una dote di famiglia...Peraltro adesso dovrebbe esserci anche un’altra gara. Questa volta a livello europeo, che dovrebbe essere organizzata a Parigi». Chissà. Per un’altra competizione matematica c’è tempo. Adesso Mattia si gode il suo risultato e prosegue con la scuola. Frequentando la prima media può ancora studiare in presenza, pur con tutte le accortezze previste dalle norme anti covid. Le stesse che l’hanno costretto a disputare i giochi matematici su internet anziché in presenza e direttamente alla Bocconi. Mattia ha tempo per scegliere la strada del suo futuro. Per adesso ha deciso di guardare all’universo. Dato che ai genitori dice spesso che da grande vuole diventare uno scienziato. «Gli piacciono i pianete e le stelle - confermano i genitori - e dice di voler andare alla scoperta dell’universo».
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi