Scopre di essere positiva al virus mentre sta per partorire: "Ecco come abbiamo fatto nascere la piccola"

La donna era pronta per entrare in sala travaglio a Cecina. Lo stop e la corsa a Livorno dove all’alba nasce la piccola 

CECINA. Scopre di essere positiva al covid mentre sta per andare in sala travaglio, pronta per partorire. Solo che una volta accertato l’esito del tampone, lo staff sanitario dell’ospedale blocca tutto e decide il trasferimento d’urgenza a Livorno, dove partorirà quasi all’alba. Il lieto fine di questa storia, che ha tenuto in grande apprensione una giovane coppia con i familiari e parenti, si chiama Francesca (il nome è di fantasia), una bella bambina che al momento della nascita, ieri alle 5 del mattino, pesava 3,2 chilogrammi.

Protagonista della vicenda che raccontiamo qui è una giovane donna cecinese che nel pomeriggio di lunedì si presenta in ospedale, a Cecina, in preda ai classici dolori preparto. La donna - come specificherà successivamente l’Asl - è alla trentasettesima settimana. Non era stata ancora sottoposta al tampone perché - spiegano sempre dall’azienda - di solito il test si fa dalla trentottesima, in prossimità del parto. Non avrebbe molto senso farlo diversi giorni prima.Visitata al pronto soccorso la donna, prima di essere ricoverata in Ostetricia, viene effettivamente indirizzata all’area dove si effettua al test rapido. Intanto lo staff del reparto materno-infantile inizia le operazioni per preparare la partoriente. Verrebbero effettuate anche le procedure per l’induzione al parto. Insomma, tutto sembra predisposto per trasferire la paziente in sala travaglio, quando arriva il responso del tampone. La giovane madre è positiva al covid.A questo punto, è il tardo pomeriggio di lunedì, dal reparto si decide di trasferire la partoriente all’ospedale di Livorno.

Questo perché a Cecina, benché da alcuni giorni l’ospedale ospiti anche diversi posti letto covid, l’Ostetricia non è ancora completamente attrezzata per il ricovero di pazienti positive al coronavirus. La donna viene così portata al piano terreno, adagiata sulla lettiga dell’ambulanza, e trasferita d’urgenza all’ospedale di Livorno.Arrivata qui viene condotta subito in reparto e sottoposta a nuovi accertamenti. Intanto il marito ed i parenti seguono con grande trepidazioni l’evolversi della situazione. Nella notte il travaglio ed alle 5 di ieri arriva finalmente la lieta notizia: nell’area attrezzata covid del reparto di Ostetricia e Ginecologia di Livorno è nata una bellissima bambina. La piccola sta bene come del resto la mamma.I protocolli sanitari - dicono dall’Asl - prevedono il trasferimento a Livorno delle pazienti partorienti che risultano contagiate.

Questo, tra pochi giorni, non succederà più non appena anche l’Ostetricia e Ginecologia di Cecina, diretta dal dottor Andrea Antonelli, sarà attrezzata per i ricoveri covid. Si tratta di eseguire lavori che non esigono particolari interventi e che si fanno in poco tempo.Sulla vicenda il primario assicura che, se ci fosse stata un’urgenza, in ospedale c’erano comunque tutte le condizioni per poter assistere nel parto la donna. Visto che lo stesso non è ancora a regime per le pazienti covid è stato deciso il trasferimento a Livorno.