Sbanda e perde il controllo della moto: muore sulla Variante

L'uomo sarebbe finito contro un guardrail della Variante Aurelia appena dopo l'uscita per Castiglioncello

ROSIGNANO. Ha sorpassato alcune automobili e poi ha cominciato a sbandare, come se avesse perso il controllo della sua motocicletta. Poi è caduto a terra, facendo una cinquantina di metri, mentre la moto ha continuato la corsa, arrestandosi oltre 150 metri più avanti.

È morto così Giovanni Cardile, 73enne di Rosignano Solvay che ieri pomeriggio a bordo della motocicletta stava percorrendo la corsia sud della variante Aurelia, probabilmente di rientro a casa.

Erano poco più delle 17, quando il 73enne, appena superata la rampa di uscita per Castiglioncello ha cominciato a sbandare, come se non riuscisse più a governare il mezzo. Gli automobilisti che Cardile aveva appena superato si sono resi conto che stava succedendo qualcosa di strano. Poi la tragedia, quando l’uomo, durante la corsa, è stato sbalzato dalla sella della motocicletta, finendo sull’asfalto dopo un volo di almeno cinquanta metri. La moto ha proseguito la corsa, fino a fermarsi contro il guardrail centocinquanta metri più a sud.

I passanti, atterriti, hanno subito chiamato il 118 per segnalare l’accaduto. E si sono fermati per tentare di prestare aiuto al 73enne. La centrale del 118 di Livorno ha mandato sul posto una ambulanza medicalizzata della Pubblica assistenza di Rosignano. Ai soccorritori sono state subito chiare le gravissime condizioni del 73enne, che ha riportato fratture e svariati traumi agli organi interni a causa dell’impatto con l’asfalto. Così è stato allertato anche l’elisoccorso, con l’intenzione di trasferire velocemente Cardile all’ospedale di Livorno.

Il personale sanitario della Pubblica assistenza ha tentato in ogni modo di rianimare Cardile, ma il suo cuore ha smesso di battere prima che sulla variante Aurelia arrivasse l’elicottero Pegaso.

Sul posto è intervenuta anche la polizia stradale di Livorno, che si è occupata di effettuate i rilievi dell’incidente e ha gestito il traffico, particolarmente intenso in considerazione del periodo e dell’orario. La viabilità lungo la variante è stata interrotta per consentire i rilievi e la successiva rimozione della motocicletta. Come ha fatto sapere Anas, «il traffico è rallentato. Durante gli accertamenti del caso e le necessarie operazioni di pulizia del piano viabile, si è reso necessario interdire il transito con uscita obbligatoria per i veicoli provenienti da nord a Castiglioncello». Sul posto, oltre alla polizia stradale di Livorno,  anche il personale dell'Anas che si è occupato di pulire la carreggiata dai residui della motocicletta.