Colpita da un fulmine a Marina di Castagneto mentre è con la figlia di 15 mesi

La donna ha raccontato ai soccorritori la sua disavventura in via del Corallo. Al termine degli accertamenti ha però rifiutato il ricovero in pronto soccorso  

MARINA DI CASTAGNETO. Ai soccorritori ha raccontato di essere stata «colpita da un fulmine» mentre si trovava in via del Corallo, nella frazione di Marina di Castagneto con la figlia. Più probabilmente la donna, una turista canadese di 35 anni in vacanza in Toscana, potrebbe essere stata sfiorata da uno dei fulmine che si è abbattuto sulla costa degli Etruschi nel primo pomeriggio di ieri. Anche perché se fosse stata colpita le conseguenze sarebbero state molto più gravi a livello di danni. A chiamare il centralino del 118 poco prima delle 16 di giovedì 19 settembre è stata la stessa trentacinquenne che nel momento in cui a Marina si è abbattuto un forte temporale si è trovata in mezzo alla strada insieme alla figlia di appena quindici mesi.

È in questo frangente che sarebbe avvenuta la disavventura. Quando i volontari della Croce Rossa sono arrivati a Marina hanno trovato la donna in uno stato di choc: impaurita e con difficoltà di attenzione e alla vista.Nonostante questo i parametri vitali – secondo i volontari – erano buoni. Ma la cosa che più preoccupava la donna riguardava il pericolo corso dalla figlia, che nel momento in cui il fulmine ha scaricato la sua forza a terra era a poco più di un metro di distanza. Per circa mezzora i soccorritori hanno monitorato le condizioni di salute della donna.

Al termine degli accertamenti l’idea sarebbe stata quella di trasportarla in pronto soccorso per tenerla in osservazione per alcune ore e verificare eventuali complicazioni, ma la trentacinquenne a quel punto ha preferito rifiutare il ricovero e continuare la propria giornata di vacanza nella zona di Castagneto.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi