L’appello per salvare i mici del gattile

La struttura ospita circa 200 animali, le volontarie: «Mancano cibo, medicinali e prodotti igienici»

CECINA. Nuovo appello dall’associazione Amici del Gatto onlus di Cecina. Il gattile che si trova al Paduletto di Marina, poche centinaia di metri dietro al parco acquatico, è in piedi da oltre venti anni e ha sempre più bisogno di aiuto per il sostentamento e la cura dei piccoli ospiti. Sono una sessantina i gatti che hanno dimora fissa a cui si aggiungono quelli delle 4 colonie sparse nel territorio tra Cecina e Bibbona, circa 200 i gatti in totale. Un piccolo aiuto arriva dall’amministrazione comunale ma le necessità per i gattini malati sono sempre maggiori e soprattutto le volontarie, la cui responsabile è Loretta Bianchi, insieme alle collaboratrici Tiziana Andolfi, Patrizia Targetti, Cristina Gargani e Susanna chiedono in particolare cibo, prodotti per la pulizia, trasportini, coperte e biancheria (proprio in inverno le temperature cadono in picchiata), medicinali e materiale sanitario vario e soprattutto vogliono sensibilizzare alle adozioni. Il rifugio si trova all’interno di un terreno comunale su una superficie di 600 metri dove sono presenti ricoveri per gatti che vivono in libertà, casette per gli animali malati e recinti per quelli in degenza. Le mansioni principali sono quelle di nutrire, sterilizzare e fornire cure mediche nella speranza che arrivi qualche buon cuore e decida di adottarli.

Nell’ultimo periodo è stato creato anche un sito internet www.gattiledicecina.it, realizzato grazie al solo contributo dei volontari, dove è possibile leggere tutte le info della struttura e partecipare direttamente con le donazioni. Inoltre è aperta una finestra rivolta agli utenti in cui si trovano appelli di gatti smarriti e la situazione in tempo reale delle necessità urgenti dell’associazione. Il gattile è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 12, per info 347.7076838. (d.v.)