Bon ton, ora arriva il volantino "educato"

Il volantino bon ton del comune di Rosignano

Rosignano, il Comune continua la campagna sul decoro: vietato passeggiare in bikini in strada, vietato bivaccare e mangiare nei parchi pubblici o all'ingresso dei luoghi di culto

Alla fine, come annunciato, è arrivato il regolamento del bon ton. A partire da questo fine settimana, 11 e 12 luglio, il Comune di Rosignano Marittimo distribuirà agli uffici turistici e agli esercizi commerciali del territorio un volantino dove sono ricordati alcuni comportamenti che non rispondono alla decenza e al rispetto del prossimo. Il volantino che si rifà al Regolamento di Polizia Urbana ricorda, con tanto di vignette, che è vietato mangiare, bere, bivaccare , dormire in forma palesemente indecente, sul suolo pubblico e che e’ vietato circolare in costume da bagno ad eccezione dei locali o ambiti balneari.

A torso nudo in pineta Marradi (foto Falorni)

Ha un seguito dunque la campagna intrapresa dal Comune di Rosignano contro il cattivo gusto segnalato  da molti cittadini e operatori. Tra i comportamenti che potrebbero essere sanzionati con una multa di 500 euro (così riporta il Regolamento di Polizia Urbana) c’e’ appunto quello di passeggiare per le vie del centro cittadino indossando solo il costume da bagno. Un’abitudine che anche nelle località di mare della costa sembra aver preso il sopravvento. Le prime segnalazioni sono arrivate alcuni giorni fa da Castiglioncello dove in tanti ormai usano passeggiare in pineta Marradi, uno dei fiori all’occhiello della Perla, o per le vie dello shopping, indossando solo il costume. E magari, così abbigliati, entrare anche nei negozi.

Una questione di stile che solo qualche anno fa veniva insegnata già fin da bambini ma che adesso sembra dover essere impartita addirittura attraverso un vademecum che sarà distribuito a turisti e residenti. Molti cittadini stufi di vedere persone poco vestite aggirarsi tra le vie dei centri urbani o bivaccare nei parchi pubblici, si sono ribellati e hanno chiesto un intervento da parte del sindaco Franchi. La campagna promossa dal Comune di Rosignano, destinata sicuramente a far discutere, riporta al centro dell’attenzione la necessità, che dovrebbe essere scontata, di tenere comportamenti adeguati ai vari contesti.  Un’azione di prevenzione prima di arrivare alle sanzioni pecuniarie previste appunto dal Regolamento di Polizia Municipale approvato dal Consiglio Comune nell’aprile 2014 e volto a garantire la libertà di ciascuno nel rispetto di quella di tutti. Tra i divieti anche quello di sdraiarsi sui gradini dei monumenti o su quelli delle chiese, dei luoghi di culto e di memoria.