Il progetto Pagine di scienza premia il prof Rovelli

Il prof Carlo Rovelli

Rosigano, successo per la prima ediziione dle premio che ha coinvolto, in giuria, anche i ragazzi dell'istituto Mattei

ROSIGNANO. Si è concluso sabato 21 marzo al Castello Pasquini il progetto “Pagine di scienza” - promosso dall’assessorato alla cultura - con l’assegnazione di un riconoscimento intitolato alla studiosa Antonella Musu al fisico e scrittore Carlo Rovelli, autore del libro “La realtà non è come ci appare” (Cortina 2014). Molto apprezzate anche le recensioni degli studenti dell’istituto superiore Mattei di Rosignano.  

           Rovelli infatti è stato il più votato, tra i tre finalisti, da parte della giuria dei lettori, composta anche da studenti. Nel corso dell’iniziativa l’assessore alla cultura Valentina Domenici, alla presenza dei familiari, ha ricordato anche la studiosa rosignanese prematuramente scomparsa, Antonella Musu, che aveva lavorato proprio per promuovere iniziative culturali nel nostro Comune. Particolarmente apprezzato, a fronte della grande qualità dei libri finalisti, l’impegno dei ragazzi e delle ragazze del Mattei che hanno letto pubblicamente le loro recensioni.

“Il progetto Pagine di Scienza – ha commentato l’Assessore - è stato certamente una sfida. Il format proposto era diverso da tutti i precedenti eventi legati alla filosofia, alla letteratura e alla comunicazione. Credendo molto nella cultura come processo unico e fortemente interdisciplinare, ho pensato di coinvolgere alcuni importanti pensatori e comunicatori che si occupano di scienza e dei suoi stretti legami con la società. Tra questi devo senz’altro ringraziare Pietro Greco, per la sua disponibilità, ma anche coloro che hanno seguito il progetto e partecipato con interventi di grande valore. Penso a Mimma Bresciani Califano, Gaspare Polizzi e Giuseppe O. Longo. Un aspetto nuovo è stato anche quello di coinvolgere attivamente i ragazzi della scuola superiore Enrico Mattei, che hanno letto in modo critico i tre libri proposti dal Comitato Scientifico, si sono confrontati ed hanno presentato le loro recensioni proprio sabato pomeriggio, sfidando la timidezza di parlare di fronte ad alcuni autori, filosofi e storici della scienza. Questa partecipazione dei ragazzi mi ha ricordato che la mia passione per la comunicazione della scienza iniziò proprio al liceo leggendo alcuni saggi scientifici che poi hanno segnato il mio pensiero. E non è un caso - ha concluso - che a vincere questa prima edizione di Pagine di Scienza sia stato un saggio, di un grande Fisico, Carlo Rovelli, che con grande freschezza e un linguaggio diretto, racconta come la fisica stia cambiando la sua visione del mondo, un tema di grande fascino”.