Comune, nuovo assetto con due superdirigenti

Cecina, a Cheli e Rocchi anche le deleghe di Baggiani e Bezzini. Il sindaco Lippi: «Soluzione transitoria», ma il progetto resta di due macroaree

CECINA. Il primo effetto della riorganizzazione della macchina amministrativa comunale è la nascita, di fatto, di due superdirigenti. A palazzo civico si affrettano a dire che è un assetto provvisorio. E la parola superdirigenti non piace. Però, nei fatti, con il passaggio delle deleghe dei due dirigenti comunali cui non è stato rinnovato il contratto (l’architetto Baggiani dell’ufficio tecnico e il dottor Bezzini dell’ufficio commercio) rispettivamente alla dottoressa Alessandra Cheli e al dottor Roberto Rocchi comincia a delinearsi un assetto che individua due figure apicali cui viene concentrata un’intensa attività amministrativa.