Quotidiani locali

BEACH SOCCER

Il sorriso è di rigore: l’indomito Viareggio vince la Supercoppa

I bianconeri (senza Gori) battono 5-4 la Sambenedettese con una doppietta del recuperato Marinai. Oggi i quarti di finale validi per la lotta scudetto

VIAREGGO.Ieri mattina (giovedì 9 agosto) Gabriele Gori e Simone Marinai sono saliti sul volo Firenze-Catania senza sapere se avrebbero recuperato per la Supercoppa. “Tin-Tin” alla fine non ce l’ha fatta, ma il capitano sì. Ha avuto ragione lui. Sul colpo al dito del piede e pure sull’influenza, lieve ma fastidiosa. Sliding doors. Perché se i bianconeri nel tardo pomeriggio di giovedì hanno battuto la Sambenedettese ai rigori, consegnando idealmente al cielo l’unico trofeo che mancava nella loro bacheca, molto del merito appartiene proprio a Marinai. Che ha segnato due gol, entrambi fondamentali per impedire ai marchigiani dei viareggini Di Palma e Di Tullio di scappare. E che poi si è presentato sul dischetto, spedendo con artica freddezza il pallone alle spalle di Del Mestre. Bryan e Remedi lo hanno emulato. La differenza l’ha fatta la parata di Carpita sul primo penalty di Palma.

È stata la vittoria del cuore, quella della formazione di Santini, che non conquistava un trofeo da due anni e due giorni, da quello scudetto divenuto roba propria a Riccione. Pure in quel caso con il graffio decisivo di Marinai. Catania per Viareggio è la spiaggia della felicità: è là che tre trionfi su cinque vanno geolocalizzati.

Certo che scendere in campo senza Gori è stato un fardello pesantissimo, sotto ogni aspetto. Eppure Stefano Santini ha avuto il merito di trasformare un potenziale alibi in un ulteriore fattore motivazionale, indispensabile in una partita tecnicamente brutta, bloccatissima per lunghi tratti.

All’errore di Carpita nel primo tempo sfruttato abilmente da Josep ha posto rimedio Marinai con un bolide su tiro libero dalla lunga distanza. La Sambenedettese si è portata di nuovo in vantaggio con Ietri, senza però fare i conti con il capitano bianconero, a segno quando qualcuno già pensava che

l’overtime non si sarebbe reso necessario: una sforbiciata d’autore. Stupenda. Poi i rigori: la parata di Carpita, il tre su tre bianconero.

C’è poco tempo però per festeggiare: oggi alle 17,45 sono in programma i quarti scudetto contro il Catania. Con Gori, forse.
 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro