Quotidiani locali

Capitan Biagini: «Questo Real non si accontenta»

«Stiamo realizzando qualcosa di veramente importante ma vogliamo migliorare ancora la posizione in classifica»

FORTE DEI MARMI. Può guardare in alto questo Real e senza peccare di presunzione. Il cammino che ha condotto il Real Forte dei Marmi-Querceta dal guardare con vergogna ad una classifica che lo poneva quasi in zona retrocessione ad affacciarsi al gruppo delle prime 5 squadre del girone parla chiaro: 19 punti in 7 partite, un ritmo da capolista. E che nel gruppo nerazzurro guidato da capitan Fabio Biagini (subito al gol, al rientro da una squalifica, domenica con l’Argentina) ha generato entusiasmo e ambizione.

Biagini, sesta vittoria consecutiva e seconda goleada (7-1) di fila. Sono dati che fanno impressione, visto che nemmeno due mesi fa si metteva in dubbio la salvezza.

«A prescindere dai risultati un po’ appariscenti delle ultime due partite, quello che è veramente importante è aver inanellato così tanti successi consecutivamente. Stiamo realizzando qualcosa di veramente importante, ormai direi che è sotto gli occhi di tutti. Queste vittorie ci hanno ridato la carica, soprattutto psicologicamente, e vogliamo continuare così: il campionato è ancora lungo, ma non ci accontentiamo di questa ripresa e vogliamo migliorare ancora la nostra posizione in classifica».

I più maliziosi spiegano questo vostro filotto di vittorie indicando un calendario di incontri più abbordabili. È un fattore che ha avuto il suo peso?

«Chi pensa questo ha la memoria corta: l’anno scorso ad esempio abbiamo perso più punti contro le squadre messe peggio in classifica che contro le prime della classe. Vincere è sempre difficile, a prescindere da chi incontri: tra l’altro anche la vittoria contro l’Argentina non era scontata. Basta ricordarsi del 2-2 in rimonta che hanno strappato al Viareggio».

Da domenica vi attendono Savona e Massese: si aspetta due settimane di fuoco?

«Arriviamo a questi appuntamenti con l’entusiasmo delle ultime vittorie e convinti di potercela giocare per fare risultato pieno. Sono due squadre di altissimo livello, costruite per puntare a vincere il campionato, ma non ci fanno paura. E i punti in palio peseranno molto per il nostro cammino, quindi siamo pronti a dare il massimo per continuare la serie positiva».

Dopo tutti questi successi si respira un altro clima nello spogliatoio: fin dove pensate di potervi spingere?

«È la domanda
da 100 milioni di euro. Ce la possiamo giocare con tutti, senza distinzione. Credo che arrivare tra le prime cinque sia un obiettivo alla nostra portata, ma non dobbiamo comunque montarci la testa: l’umiltà deve essere un punto fermo per noi, ricordiamoci sempre da dove siamo partiti».

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista