Quotidiani locali

Borgobello eroe per un giorno «Meritavamo il pari»

Parla l’autore della rete dell’1-1 nerazzurro col Ponsacco «Ma l’ingiusta espulsione di Cauz ha condizionato la gara»

FORTE DEI MARMI. Il Real Forte Querceta ha il suo "eroe per un giorno": si chiama Omar Borgobello, ha 20 anni e domenica il suo colpo di testa (o, meglio, di nuca) ha regalato ai nerazzurri il primo punto stagionale chiudendo - in rimonta ed in inferiorità numerica -il match contro il Ponsacco sull'1-1. Un gol fondamentale il suo, giunto dopo un secondo tempo tutto cuore e coraggio per i nerazzurri di Guido Pagliuca che invece, fino allo svantaggio e all'espulsione (molto discussa) di Cauz, non erano riusciti ad essere molto incisivi in attacco.

«Non sono uno dei saltatori della squadra - ammette Borgobello - ma domenica era il momento di provarle tutte perché dopo una partita, e soprattutto un secondo tempo, così intensa non ci stavamo a perdere: mi sono gettato nella mischia - racconta - non ci ho pensato su due volte. E mi è andata bene che quando ho saltato la palla era a portata e sono riuscito ad indirizzarla in porta».

Il pareggio contro il Ponsacco, giunto dopo la sconfitta nella trasferta a Finale Ligure, non solo ha sbloccato il Real in classifica ma è servito anche come sprone per le prossime gare: a partire da domenica prossima, quando i nerazzurri affronteranno la trasferta contro la Lavagnese. «È un punto che ci dà tanto morale - dichiara Borgobello - non tanto il pareggio come risultato ma la reazione che ha portato a conquistarlo. Contro il Ponsacco abbiamo dimostrato che siamo un gruppo unito e compatto, capace di tirare fuori la grinta anche in una situazione di grande difficoltà: quando magari altri avrebbero ceduto, noi ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo rischiato e infine abbiamo trovato il gol. C'è però da migliorare, questo è sicuro: non possiamo iniziare a giocare con questa grinta solo dopo aver subito lo schiaffo dello svantaggio o un'espulsione. Se ci riusciremo, sono sicuro che ci toglieremo delle belle soddisfazioni perché siamo veramente una bella squadra».

Domenica a Lavagna, però, mancherà lo squalificato Cauz che, dopo l'addio di Verdi e Lorenzo Biagini, era una conferma per mister Pagliuca nelle retrovie. «È stata un'espulsione ingiusta - commenta Borgobello - Cristian (Cauz, ndr) è arrivato in anticipo sul pallone,
ma l'arbitro non ha voluto sentire ragioni. Purtroppo la sua assenza sarà molto pesante dietro, ma sono anche molto fiducioso in chi lo sostituirà: questo è un gran gruppo dal primo all'ultimo giocatore, e quando troveremo la condizione fisica migliore saremo un osso duro per chiunque».

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista