Menu

La storia si tinge di bianconero

Golden gol di Motaran, il Cgc alza la Coppa Italia

 VIAREGGIO. Grazie Ragazzi. Grazie per averci regalato il primo vero trofeo della storia del Cgc. Grazie per aver superato (5-4) più che meritatamente i campioni d'Italia del Valdagno, a dispetto di un arbitraggio a dir poco discutibile. Grazie per aver tenuto duro fino in fondo, fino al golden goal di Davide Motaran su punizione, che ha significato Coppa Italia.  Il "return match" disputato al palaLido di Valdagno ha messo a dura prova le coronarie dei tifosi viareggini. Dopo appena 30 secondi Nicolia riceve una pallinata involontari al mento e deve abbandonare la pista per ricorrere alle cura dei sanitari. Pochi secondi e viene assegnata una punizione diretta ai padroni di casa per un fallo di Motaran su Rigo. La punizione diretta viene battuta da Antezza che realizza.  Il Cgc replica con decisione e, nella porta avversaria, sale in cattedra Oviedo che para tutte le conclusioni dei bianconeri. Al 10'18" Trvasino devia con il pattina la pallina e gli arbitri assegnano un rigore per il Cgc. Batte Orlandi ma la conclusione del campione viareggino viene respinta dal portiere argentino. All'11'32" vine fischiato un fallo di Orlandi su Nicolia: il giocatore del Cgc viene espulso per 2' e la punizione diretta viene trasformata da Antezza. Il grande orgoglio della squadra di Mariotti viene prepotentemente a galla e al 16'57" Farran accorcia le distanze (2-1 per il Valdagno). È la formazione versiliese a tenere la pista con maggior sicurezza e al 18'20" ha la possibilità di pareggiare: Rigo atterra Orlandi ma il penalty, battuto da Orlandi, viene neutralizzato da Oviedo. A 40" dalla conclusione dal termine della prima frazione Orlandi commette fallo su Antezza ma il rigore viene respinto da Barozzi.  La ripresa si apre con la splendida realizzazione di Davide Motaran, ex di turmno, che al 4'09" trafigge Oviedo. La partita prosegue spezzettata dai continui falli di squadra, fischiati da una coppia arbitrale la cui direzione continua a rimanere di difficile valutazione. Al 12' Oviedo neutralizza una punizione diretta battuta da Mirko Bertolucci e qualche istante dopo l'estremo veneto colpisce intenzionalmente alla spalla Orlandi: espulsione con il blu e rigore trasformato da Orlandi. Nella porta del Valdagno subentra Vallortigara che al 14'31" deve capitolare su un tiro di Motaran. Il Cgc si trova così sul 4-2, ma il Valdagno reagisce e accorcia le distanze su rigore trasformato da Rigo. Al 18'30" viene espulso il portiere viareggino Barozzi e il rigore successivo viene trasformato ancora da Rigo. In porta del Cgc entra il giovane Carmazzi che merita grandi apprezzamenti per due ottimi interventi su conclusioni di Nicolia. Allo scadere Mirko Bertolucci non riesce a concretizzare un'ottima occasione sotto rete e si va ai supplentari sul risultato di parità (4-4). Il primo tempo supplementare non registra variazioni mentre nel secondo tempo accade ancora di tutto. Prima viene fischiata una punizione diretta per il Valdagno e la punizione viene respinta da Barozzi, poi al 3'51" arriva la rete della
vittoria viareggina su punizione diretta realizzata da Motaran.  I giocatori del Cgc esplodono di gioia, si abbracciano in pista e in città prendono corpo i primi caroselli di macchine. Finalmente il primo grande sogno si è avverato.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare