Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il piromane colpisce ancora Nuovo incendio alla Bufalina

Il rogo è quasi certamente di origine dolosa: indagano i carabinieri forestali Per fortuna è stato circoscritto in poco tempo, anche se l’allarme resta alto

TORRE DEL LAGO. Nuovo incendio nella pineta della Bufalina. Sull’origine delle fiamme, quasi certamente dolosa, stanno indagando i carabinieri forestali intervenuti ieri mattina assieme ai vigili del fuoco. Le fiamme sono state domate piuttosto rapidamente. Nessun particolare allarme, quindi, per cose o persone. Resta lo sconcerto per un incendio che è stato causato quasi sicuramente da qualcuno. Anche alla fine dell’estate, quindi, la caccia al piromane si conferma un’attività necessaria pe ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TORRE DEL LAGO. Nuovo incendio nella pineta della Bufalina. Sull’origine delle fiamme, quasi certamente dolosa, stanno indagando i carabinieri forestali intervenuti ieri mattina assieme ai vigili del fuoco. Le fiamme sono state domate piuttosto rapidamente. Nessun particolare allarme, quindi, per cose o persone. Resta lo sconcerto per un incendio che è stato causato quasi sicuramente da qualcuno. Anche alla fine dell’estate, quindi, la caccia al piromane si conferma un’attività necessaria per le forze dell’ordine e per chiunque abbia a cuore il patrimonio naturalistico di Viareggio, Torre del Lago e della Versilia in generale.


Nei mesi scorsi si sono verificati più incendi anche nel giro di pochi giorni: cinque casi in un ristretto lasso di tempo ad inizio agosto. Uno di quelli che aveva destato maggiormente allarme è stato l’ incendio scoppiato il 5 agosto sempre, alla Bufalina, a una manciata di metri dagli stabilimenti balneari. Qualche giorno prima le fiamme avevano devastato l’area verde della spiaggia libera alla Lecciona. Un’area lontana dal bosco, ma abbastanza secca da incendiarsi in un lampo. Poi altri piccoli incendi qua e là per le pinete ormai già devastate dai roghi di Viareggio: piccoli focolai che comunque fanno preoccupare. Ora questo nuovo episodio che, va detto, non ha destato particolari allarmi perché non vicino alle persone.

Ma che riporta l’allarme verso un pericolo costante e continuo: quello di chi non sa che con il suo comportamento sciocco e criminale può causare danni ben più gravi.