Quotidiani locali

Valzer di presidi nelle scuole della Versilia ecco le novità dalle materne alle superiori

Cambiano i dirigenti negli istituti di Pietrasanta e Massarosa, ma alcuni dovranno occuparsi di più di dieci plessi a testa





A poco più di una settimana dall’inizio della scuola, il concorso per dirigenti scolastici (che doveva portare all’assunzione di nuovi presidi) non è ancora terminato (a ottobre ci sarà la prova scritta). Di presidi nuovi, quindi, non ne sono stati assunti. Eppure l’esigenza, in Versilia, è pure aumentata. Un dirigente è stato trasferito infatti da Massarosa a Pontendera. L’istituto comprensivo di Pietrasanta, poi, è stato sdoppiato e non ha più bisogno di un preside, ma di due. I posti lasciati vuoti saranno riempiti dai reggenti. Non è una novità. La novità è che, con un valzer di presidi, le reggenze sono raddoppiate, passando da tre a sei. Tutti confermati i dirigenti scolastici delle scuole superiori, le novità riguardano soprattutto materne, elementari e medie.

La prima è sull’istituto comprensivo di Pietrasanta che negli ultimi due anni ha racchiuso ben 18 plessi e un unico dirigente. L’anno scorso era Barbara Caterini, pisana di origine ma viareggina di adozione, preside (titolare) anche all’istituto comprensivo della Darsena e che alla fine si è trovata a gestire il record di venticinque plessi in due comuni. Da quest’anno, invece, grazie all’insistenza di genitori, insegnanti, sindacati e chi più ne ha più ne metta, gli istituti comprensivi di Pietrasanta sono tornati due: l’1 e il 2. Sono stati dati (in reggenza) il primo a Nella De Angeli (che è titolare anche all’istituto comprensivo Don Milani) e il secondo a Antonio Debidda (titolare al Marco Polo di Viareggio).

L’ex dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Armando Sforzi (ex Massarosa 2), Luca Ceccotti, è stato trasferito a Pontedera e il suo posto è andato a Silvia Barbara Gori, dirigente scolastica anche a Forte dei Marmi. Infine, per quanto riguarda le superiori, torna al Don Lazzeri- Stagi Mirella Bertagna.

Sei in tutto i dirigenti con reggenze. Oltre a quelli citati ci sono anche: Claudio Franciosi, dirigente del Camaiore 1 e dell’istituto comprensivo di Pescaglia (sempre in provincia di Lucca), che quindi si troverà a gestire dodici plessi divisi in due comuni a 30 chilometri di curve e un’ora di auto l’uno dall’altro.

Loredana Biliardi invece dovrà occuparsi di dieci scuole, quelle dell’istituto comprensivo Torre del Lago e quelle del Centro-Migliarina Motto. Ma il record di plessi quest’anno va a Maurizio Tartarini, preside a Seravezza, che ha nove plessi (quattro materne, quattro

elementari e una media), e a Stazzema, che di scuole ne ha 5, per un totale di quattordici plessi. Nulla, in confronto al record dello scorso anno di venticinque plessi, sparpagliati in due comuni a dieci chilometri di distanza l’uno dall’altro, di Barbara Caterini. —



TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro